Luigi Lionetti, l’enfant prodige che sogna un ristorante con i figli

Tutte le sfumature del balsamico
16 gennaio 2014
Ci facciamo due fili? Spaghetti Day successo planetario
18 gennaio 2014
image_pdfimage_print

Il giovane Executive Chef del Ristorante Monzù dell’Hotel Punta Tragara *****L di Capri inaugura il ciclo di “cene gourmet nell’eccellenza mediterranea” dello storico Caffè Platti a Torino.

“Sono Luigi Lionetti, caprese doc, e dirigo la cucina del Monzù del Punta Tragara di Capri, albergo stupendo e unico 5 stelle L. La cucina fa parte della mia vita, non riuscirei a farne a meno o a non pensare ad un piatto, ad un menu, a cercare l’innovazione…”. Si presenta così Luigi Lionetti, classe 1984, enfant prodige dell’alta cucina campana e italiana, con un entusiasmo che contagia e che fa bene ad un settoreforse un po’ (troppo) saturo di chef-rockstar.

“Desidero raggiungere grandi traguardi qui, portando sempre più in alto insieme ai miei colleghi il nome di questo ristorante e di questa struttura. Piano piano ci siamo fatti conoscere e stiamo ottenendo grandi risultati, complice la professionalità e lo spirito di squadra che in una cucina è alla base di tutto. Penso costantemente a ciò che può farci migliorare, passando attraverso tante cose, in particolare alla materia prima”.

Questo parlare di squadra, di “noi”, e non della “mia filosofia”, un po’ ci spiazza, forse non ci siamo più molto abituati… Il bambino Luigi aveva altri sogni, che alcuni problemi di salute e familiari hanno fatto cessare; ma la regola della porta che si chiude e del portone che si apre si è applicata puntuale e a 15 anni scopre la propria passione per la cucina. La carriera di Lionetti inizia subito dopo il diploma lavorando in locali di grande prestigio, nel rinomato ristorante Paolino a Capri prima e all’ hotel La Perla a Corvara poi, fino al 2008 quando approda all’hotel Punta Tragara dove diventa sous-chef ed ora Executive, grazie anche agli insegnamenti del suo mentore…
“Grazie a Gennaro Esposito, che mi ha permesso di collaborare con lui portandomi spesso in giro per l’Italia, aumentava sempre di più la consapevolezza di vivere in una terra di grandi prodotti che il resto del mondo ci invidia; ogni luogo ha una sua tradizione, un suo prodotto particolare, ciò arricchisce sempre più le nostre conoscenze, il nostro bagaglio”. Eccola la legge maniacale del Gennarino nazionale, scritta nel culto della materia, da manipolare nel rispetto delle proprie peculiarità.

E continua: “Fino ad ora vedo intorno a me tante positività, specie in noi giovani cuochi. Collaborando con molti colleghi vedo che c’è una voglia matta di fare bene e di lavorare ad alti livelli, con quella sorta di competizione che in parte fa anche bene perché a mio parere tende ad innalzare il livello di noi tutti e della ristorazione in particolare”.

E domani? “Ho due figli, Domenico di 5 anni e Christian di 3… Beh un domani mi vedrei  insieme a loro in una cucina a sudare e a cercare di dare grandi emozioni ai clienti nel nostro ristorante; ho anche un fratellino di 12 anni… quindi anche lui a far parte della nostra brigata di famiglia! Sarebbe un vero e proprio sogno, chi vivrà vedrà, mi reputo già super fortunato così!”

Se abitate in Piemonte e non avete in programma immediate villeggiature a Capri, non perdete l’occasione di scoprire la cucina di Luigi Lionetti mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio al Caffè Platti di Torino. Lo storico locale, aperto nel 1870 come raffinata liquoreria, sotto la guida di Andrea Sabbia, giovane direttore che ha già maturato una significativa esperienza in qualità di Direttore Food & Beverage presso alcuni tra i più noti alberghi di lusso della Penisola, pur mantenendo la propria atmosfera suggestiva, cambia spirito e proposte, aprendo le porte ai giovani talenti della cucina italiana e ai sapori dell’eccellenza mediterranea, attraverso una serie di appuntamenti gastronomici.

A inaugurare il calendario, appunto, Luigi Lionetti, mentre la seconda tappa proseguirà in febbraio alla scoperta dei sapori della Puglia. Questo il menu della Serata Campana con l’Executive Chef Luigi Lionetti – 22 e 23 gennaio 2014 – ore 20,00

Aperitivo di benvenuto

Zuppetta di fagioli di Controne, scarola saltata e polpo verace alla griglia

Baccalà confit, ricotta di bufala “Barlotti”, pomodoro di Corbara e profumo ai limoni di Sorrento

Risotto mantecato all’olio extravergine di oliva di Nocellara del Belice, carciofi arrostiti di Paestum e seppie

I Ravioli Capresi, ripieni di caciotta di latte vaccino e maggiorana, salsa di pomodori “Spugnilli del Vesuvio”

Branzino d’amo scottato sulla pelle alle erbe aromatiche, variazione di verdure di stagione e la sua clorofilla

Babà al rhum, crema chantilly e fragoline di bosco

Dall’antica tradizione: Torta di mandorle caprese con gelato al latte di bufala

Vini in abbinamento:

Fiano di Avellino “Pietra Calda” 2012 – Feudi di San Gregorio

Lacrimarosa 2012 – Mastroberardino

Passito Eleusi – Villa Matilde

Il prezzo per persona è di € 65,00, vini inclusi. La prenotazione è obbligatoria.

Per prenotazioni e  informazioni: Andrea Sabbia sabbia@platti.it  – cell. 347 447 16 74

 

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print