A Milano l’ Acquerello Risotto World Summit

Il Cotechino Modena IGP fa più buone le tue idee
19 ottobre 2012
GranArt al vernissage della retrospettiva dedicata al fotografo Nino Migliori
19 ottobre 2012
image_pdfimage_print

acquerello-risotto-world-summitNon sono pochi gli chef che affermano di preferire cucinare il riso, ancor più della pasta, per sue caratteristiche organolettiche che lo portano ad essere un alimento versatile, duttile e divertente da lavorare: non è difficile capirlo se si pensa che il riso, a differenza della pasta, è considerato come primo piatto e non come companatico solo in Italia e Spagna.

Questa sera grandi chef d’Italia e del mondo celebreranno uno dei più famosi piatti della cucina italiana nell’ Acquerello Risotto World Summit (http://risottoworldsummit.itchefs-gvci.com/).

Presso la prestigiosa dimora storica Villa Torretta, immersa nel verde del Parco Nord, le 17.30 segneranno l’inizio di una serata ricca di tradizione, creatività e cultura gastronomica. L’iniziativa, organizzata da Itchefs-GVCI (http://www.itchefs-gvci.com/), in collaborazione con l’associazione CHIC (http://www.charmingitalianchef.com/), si inserisce nel calendario di Milano Golosa (www.milanogolosa.it) organizzata dal Gastronauta Davide Paolini, ha come sponsor principale il riso di qualità Acquerello e come supporter Ferrarelle, Grana Padano e Terre del Sole.

A Milano arriveranno stasera i cuochi vincitori delle challenge tenutesi durante l’anno a Hong Kong (Eyck Zimmer), New York (Olivia Bonomi Todorov) e Mosca (Bruno Marino) che si sfideranno simbolicamente con sette rinomati chef italiani  dell’associazione Chic: Fabio Baldassarre (ristorante Unico – Milano), Andrea Gabin (La Mondina – Marudo, Lodi), Sergio Vineis (Il Patio – Pollone, Biella), Athos Migliari (Locanda La Chiocciola – Portomaggiore, Ferrara), Carmine Calò (Il Salviatino – Firenze) e Paolo Trippini (Trippini – Civitella del Lago, Terni).

“L’obiettivo è esaltare un piatto e una tecnica di preparazione italianissimi, ma che ormai fanno parte del patrimonio della gastronomia globale”, afferma Rosario Scarpato, che ha ideato l’evento nell’ambito dell’annuale Italian Cuisine and Wines World Summit, la cui quarta edizione si terrà a Hong Kong dall’1 al 10 novembre prossimi (http://italiancuisinesummit.itchefs-gvci.com/ ).

A giudicare i piatti della serata, un doppio tavolo, tecnico e della blogosfera, entrambi presieduti da Davide Paolini: con lui Francesca D’Orazio, scrittrice, insegnante di cucina e consulente gastronomica,  Tano Simonato, Chef Patron Tano passami l’Olio – Milano, Claudio Sacco, fondatore e direttore di Viaggiatore Gourmet – Altissimo Ceto, Alex Guzzi, giornalista del Corriere della Sera, gastronomo e sommelier, e Fabiano Guatteri, enogastronomo, scrittore, critico della ristorazione e giornalista.

Il riso sarà inoltre al centro del dibattito “RISOTTO ITALIANO: TRADIZIONE O INNOVAZIONE NEL MONDO?”, e protagonista del Grande Risotto d’Autore, firmato dallo Chef Marco Sacco del ristorante bistellato Michelin Piccolo Lago di Verbania, nonché  presidente dell’associazione Chic.

image_pdfimage_print