Nove paesi in gara per il 16° Cous Cous Fest

image_pdfimage_print

Dal 24 al 29 settembre prossimi a San Vito Lo Capo (Trapani) si svolgerà la 16esima edizione del Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale.

L’evento promuove un confronto tra Paesi dell’area euro-mediterranea e non solo, prendendo spunto dal cous cous, piatto della pace comune a moltissime culture, ricco di storia ed elemento di sintesi tra culture. Una gara gastronomica tra chef di nove Paesi, momenti di approfondimento dedicati ai cous cous del mondo, incontri culturali e sfide di cucina. E, come ogni anno, non mancheranno momenti di puro divertimento, con spettacoli di grandi artisti e concerti che, sempre nel segno della multiculturalità, animeranno le serate dell’evento. Il tutto nella splendida cornice di questa cittadina che con il suo clima caldo, il suo mare cristallino e la bellezza delle sue spiagge è la location ideale per prolungare le vacanze estive.

La gara gastronomica internazionale vedrà in gara gli chef di nove Paesi: Costa d’Avorio, Egitto, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia. I piatti saranno votati da una giurìa tecnica, guidata da Roberto Perrone, scrittore e giornalista del Corriere della sera, che vede per la prima volta quest’anno la partecipazione dello chef stellato Giancarlo Morelli (ristorante di Seregno) nel suo ruolo di consulente del Pomiroeu Marrakech.

Ad assaggiare le ricette anche la gente comune: una giurìa popolare, formata da circa 80 visitatori della manifestazione, vota il piatto che preferisce e assegna un premio dedicato.  Per l’Italia in gara la sanvitese Antonella Pace, chef all’hotel “Mediteraneo”, capo delegazione, ed Emanuele Russo, chef di Marsala dove lavora al ristorante “Le Lumìe“, vincitore delle sfide eliminatorie svoltesi in occasione del Cous Cous Fest Preview. A condurre le manche di gara Fede&Tinto, conduttori di Decanter su Rai Radio2.

Al villaggio gastronomico, aperto dalle 12 alle 24, si troveranno oltre 30 ricette di cous cous da degustare nelle “Case del cous cous”, i tradizionali punti di degustazione, tutti in stile arabo. Nel menu anche i dolci più golosi della tradizione siciliana, abbinati ad etichette selezionate. Il biglietto per le degustazioni costa 10 euro e prevede un piatto di cous cous a scelta, un dolce siciliano e un bicchiere di vino. All’Expo Village, dalle 17 alle 24, è possibile immergersi in un coloratissimo mercato, alla scoperta dell’artigianato e dei manufatti tipici dei paesi in gara e siciliani in particolare. La sera, come sempre, esplode la musica: ogni sera un artista, un concerto, uno spettacolo diverso.

Per tutte le informazioni:  www.couscousfest.it

Rocco Lettieri

image_pdfimage_print