Paolo Barrale, nuovo presidente CHIC-Charming Italian Chef

NutriMi, per i professionisti dell’alimentazione
27 marzo 2017
In Alto Adige le Settimane delle Erbe selvatiche
28 marzo 2017
image_pdfimage_print

Marco Sacco, chef del Piccolo Lago**, è stato, nel 2011,tra i fondatori di CHIC- Charming Italian Chef e presidente che ne ha guidato lo sviluppo fino all’ultimo congresso che si è svolto ieri all’Aquapetra Resort & Spa di Telese Terme, dove ha passato il testimone a Paolo Barrale, chef del Marennà*, che ha presentato i 23 nuovi soci e ha tracciato le linee progettuali dell’associazione.
“In Chic comunichiamo il valore della nostra esperienza e artigianalità unica e il nostro obiettivo è sempre stato trasmettere alle persone la cultura della cucina di qualità. – ha spiegato Marco Sacco nel saluto introduttivo – Mi piace pensare che l’onore di questo incarico dal Nord passi al Sud e alla sua tradizione culinaria ricca ed espressiva. A dimostrazione di come poche cose come la cucina possano fare da ponte per unire culture e tradizioni diverse e portare in tutto il mondo il nostro made in Italy”.

chic_barrale
Temi che rappresentano il fil rouge del ricco calendario di iniziative e del paniere di idee che contraddistingue questa associazione che, attualmente, vanta 111 soci, di cui nove all’estero, e una composizione tipologica così suddivisa: 58 ristoranti, 29 ristoranti d’albergo, nove ristoranti con camere, due ristoranti all’interno di cantine vinicole, un ristorante in agriturismo, cinque pizzerie, una bottega di panificazione / pizzeria, una bottega di panificazione / pasticceria, un laboratorio gastronomico.
Ai soci si è rivolto Paolo Barrale con il suo discorso d’insediamento che si è focalizzato sulla consapevolezza “di avere la responsabilità di dover seguire un percorso importante; per carattere e per la mia storia personale e professionale, sono entusiasta del compito affidatomi. È grazie alla passione che negli anni siamo diventati un gruppo numeroso; è grazie all’impegno di tutti che l’Associazione è diventata un modello. Vorrei coniare un nuovo sinonimo della parola CHIC, questo sinonimo è Anima. L’anima è accoglienza e mestiere, è la volontà di far emergere, grazie a tutti i soci, la cultura gastronomica, le storie e i patrimoni che meglio rappresentano i nostri territori”.

chic_congresso_pepe

I progetti CHIC
I progetti, le collaborazioni e le idee dei soci CHIC sono davvero tante e, nel corso dell’anno, ne forniremo una puntuale informazione, a partire da quella in corso: #ChicInPizzeria.
La sintesi dei progetti è racchiusa in questi titoli
progetti_chic_2017

L’identità di CHIC la si trova in una delle idee più qualificanti nel panorama della ristorazione: CHIC RESPECT.
Il progetto nasce dalla consapevolezza di aumentare la sensibilità e il rispetto per l’ambiente e per le sue risorse, e trovare una nuova strada verso il consumo sostenibile, nell’intento di comunicare non solo un territorio di alto valore qualitativo, sociale e civile, ma soprattutto etico. Il risultato costituirebbe il più lungimirante investimento per il futuro, quello per la vita e la prosperità del pianeta.
Il progetto CHIC RESPECT consiste nell’impegno (volontario) degli chef associati di aggiungere tra le proposte del ristorante, un menu sulla base dei principi fondamentali di sostenibilità, quali l’uso di risorse energetiche alternative, la riduzione dei consumi, l’attenzione al riciclo e al riutilizzo degli scarti, l’acquisto etico delle materie prime, la salvaguardia delle tradizioni alimentari, la salute dei consumatori.
In bocca al lupo al nuovo presidente Paolo Barrale e al consiglio direttivo che lo accompagnerà: Marco Sacco – Vice Presidente, Angelo Sabatelli – Vice Presidente, Andrea Alfieri, Flavio Costa, Pietro D’Agostino, Andrea Fusco, Vincenzo Guarino, Stefano Masanti, Franco Pepe, Raffaele Geminiani (direttore).

Luigi Franchi

I NUOVI SOCI CHIC:
Paolo Viviani – Falletta 1881 a Casale Monferrato (AL)
Giorgio Servetto – Ristorante Nove, Villa della Pergola, ad Alassio (SV)
Umberto de Martino – Florian Maison a San Paolo d’Argon (BG)
Antonio Danise – Villa Necchi a Gombolò (PV)
Ma! Officina Gastronomica a Madesimo (SO)
Denis Lovatel – Pizzeria Ezio ad Alano di Piave (BL)
Alessandro Favrin – La corte del Lampone, Rosapetra Spa & Resort a Cortina (BL)
Claudio MelisZur Kaiserkron a Bolzano
Terry GiacomelloInkiostro a Parma
Enrico Bergonzi – Al Vèdel a Colorno (PR)
Michele Rinaldi – Ristorante La Rocca a Castelfalfi (FI)
Maurizio Bardotti – Il Colombaio a Casole d’Elsa (SI)
Daniele D’AlbertoBr1 a Montesilvano Colle (PS)
Luigi Salomone – Piazzetta Milù a Castellammare di Stabia (NA)
Domenico Iavarone – Josè Restaurant, Tenuta Villa Guerra a Torre del Greco (NA)
Francesco Laera – FE’ Ristorante a Noci (BA)
Raffaele Casale – Le Lampare al Fortino a Trani (BT)
Elia Russo – Le dodici Fontane, Villa Neri Resort & Spa a Linguaglossa (CT)
Dario Di Liberto – Ristorante Tocco a Ragusa
Salvatore Vicari – Vicari a Noto (SR)
Andrea Scarpati – Sapori Restaurant and Bar a Anstey Leicester UK
Fabio Nompleggio – Cepé Restaurant, The Ritz Carlton Bejing Financial a Pechino
Emanuele Vallini (già socio con La Carabaccia) – Ristorante Il Giardino NH City hotel Praga

Le foto sono di Luciano Furia

image_pdfimage_print