Premiate Trattorie italiane in tour

I salumi e la dieta
23 giugno 2013
Luigi Caricato presenta“I mille volti degli oli di oliva”
24 giugno 2013
image_pdfimage_print

Cinque territori che, nell’arco di un anno, si sono incontrati più e più volte. Cinque trattorie che hanno deciso di condividere alcuni principi del fare ristorazione in Italia e si sono associate sotto l’egida di Premiate Trattorie Italiane. Dove premiate sta a significare: dal tempo, dalla storia e dalla clientela. I punti in comune sono: comunicare un territorio e realizzare un progetto di salvaguardia delle antiche tradizioni e dei prodotti che la terra in cui viviamo ci fornisce.

“Il paesaggio che ci fa da sfondo è la cucina italiana, nella sua complessità, nelle sue sfaccettature e nel suo campanilismo. Un panorama variegato di cucine unite dalla voglia di perseguire un fine comune: salvare la tradizione, innovandola e proiettandola nel futuro. Un giro d’Italia di tavola in tavola, di cucina in cucina, di uso in costume. La varietà delle nostre ricette rende bene l’idea del complesso panorama gastronomico italiano, ricco di cibi e di storia, unito dalla sola sintassi del pasto, la quale rende la nostra cucina unica al mondo: antipasto, primo, secondo e dessert” spiega Federico Malinverno, presidente dell’associazione che riunisce La Crepa di Isola Dovarese (CR), Amerigo 1934 di Savigno (BO), La Locanda del Gambero Rosso di San Piero in Bagno (FC), la Lokanda Devetak di Savogna d’Isonzo (GO), La Brinca di Ne in Valgraveglia (GE). Da pochi giorni si è aggiunta la Trattoria Antichi Sapori di Montegrosso di Andria (BT).

Per un anno hanno girato l’Italia, ospitandosi a vicenda in un tour gastronomico che si conclude a Savigno il 2 luglio. Sono state cene dove la contaminazione gastronomica l’ha fatta da padrone, dimostrando ancora una volta come la cucina sa unire e non dividere.

“Per la serata conclusiva si parte alle 20 dall’atelier StudioEmporioHome di via Roncadella 12, a pochi passi dalla nostra Locanda, dove stapperemo il Pignoletto Spumante Brut Colli Bolognesi che accompagnerà cinque diverse piccole preparazioni delle nostre trattorie. – racconta Alberto Bettini, chef patron di Amerigo 1934 – Con una breve camminata, alle 20,30 circa, raggiungeremo a piedi via Marconi e via Vespucci, di fronte alla trattoria, dove ogni locale proporrà un piatto ed un vino della propria zona, con i quali si comporrà un tour dalle forti connotazioni stagionali e territoriali.

Per sapere il menu e prenotare:

Trattoria Amerigo

Via Marconi, 14-16 Savigno (Bologna)
Tel. 051 6708326 E-mail info@amerigo1934.it

 

image_pdfimage_print