Prime Uve Invitational Barbecue Championship

www.ristorazionecatering.it
Wiberg e Demetra celebrano la propria partnership a Expo
8 luglio 2015
www.ristorazionecatering.it
Cir Food, le nuove frontiere della ristorazione
9 luglio 2015
www.ristorazionecatering.it
image_pdfimage_print

Nessuno sa con esattezza quando venne preparato il primo barbecue, forse arrivò in Europa grazie ai primi esploratori spagnoli, che nei caraibi vedevano in uso nelle tribù Taino, quella tecnica di cottura che a dispetto del torrido clima locale permetteva di conservare la carne a lungo. Una pratica che ha accompagnato l’uomo nel suo evolversi, vantando schiere di appassionati, vi sono vere e proprie università del Barbecue, nelle quali si insegna questa difficile arte, e addirittura competizioni internazionali nelle quali i più bravi a dominare il fuoco, come moderni Prometeo, si sfidano in punta di forchetta. Come quella a cui ha dato vita Bonaventura Maschio il 4 e 5 luglio.
Grazie alla celebre distilleria trevigiana, si è infatti potuto organizzare il primo Campionato Invitational in Europa dedicato al barbecue. Nella storica azienda di Gaiarine (Tv), si sono dati appuntamento i migliori team d’ Europa, per disputare la competizione all’americana a cui si poteva aderire solamente su invito. Sette, le categorie in gara, a ciascuna delle quali è andato il riconoscimento della giuria, composta da 18 membri, certificati e selezionati dalla sezione europea della KCBS (Kansas City Barbecue Society), l’ente americano più importante nel settore delle competizioni barbecue.
Il primo Campionato Invitational europeo dedicato al barbecue si è concluso con la vittoria assoluta “Gran Champion” del team tedesco BR.BQ che si è aggiudicato un premio di novemila euro. Il vincitore, John Clement, è stato l’unico a portare avanti “in solitaria” la competizione. Seconda la squadra italiana BBQ4AllInternational, già vincitrice del titolo nazionale.
I giudici, provenienti dall’Italia, per metà, da Regno Unito, Germania, Olanda, Repubblica Ceca e Svizzera, per l’altra metà, hanno degustato le preparazioni alla cieca, ossia senza conoscere il nome degli autori della portata, votando aspetto visivo, gusto e morbidezza. I quindici team che partecipavano alla prima edizione in assoluto in Italia, sono stati selezionati tra le migliori squadre europee sulla base del punteggio dell’anno precedente dell’EBCC (European Barbecue Challenge Cup), la gara KCBS (Kansas City Barbecue Society) più importante che viene fatta in Europa. A questi si è aggiunta di diritto la BBQ4All International, la migliore squadra classificata nell’Italian Barbecue Championship che si è tenuto a Perugia dal 20 al 21 giugno. Due i team italiani, 4 gli olandesi, 3 i tedeschi, 2 i belga, 2 gli inglesi, uno danese e uno dalla Repubblica Ceca.

image_pdfimage_print