Scelgo io! Al bar arriva il menù per immagini

Sfida “Arrabbiatissima!” Da Panino a Modena, mentre si parla di Sala
30 marzo 2016
Modelli futuri della Ristorazione e dell’Accoglienza turistica
31 marzo 2016
image_pdfimage_print

Sabato 2 aprile è la Giornata Mondiale dell’Autismo e, nel giorno del World Autism Awareness, Autism-Europe AISBL, un’associazione internazionale il cui obiettivo principale è quello di far avanzare i diritti delle persone con autismo e delle loro famiglie e per aiutarli a migliorare la loro qualità di vita, “desidera evidenziare il ruolo chiave che ciascun membro della società può giocare per contribuire a rimuovere alcune delle barriere principali all’inclusione che le persone con autismo devono affrontare, e richiamare i principi e i diritti sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui i diritti delle persone con disabilità nel realizzare le condizioni per una società inclusiva”.
Tra le numerose iniziative vogliamo segnalare la scelta dei pubblici esercizi di Bergamo che, coordinati da ASCOM Bergamo, hanno realizzato una tovaglietta-menù in simboli che elimina le barriere linguistiche.
Il progetto è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione Angelman onlus e il patrocinio della Fondazione ARMR. Si propone di promuovere l’inclusione nei locali pubblici di Bergamo dando un gesto di attenzione ai piccoli clienti e alle persone con disabilità.
La tovaglietta sarà presentata in una conferenza stampa, in programma venerdì 1 aprile nella sede di Ascom Confcommercio Bergamo (Via Borgo Palazzo 137 – 3 piano), a cui partecipano: Giorgio Beltrami, presidente Gruppo Bar e Caffetterie Ascom, Giorgio Lazzari, responsabile relazioni esterne Ascom Confcommercio Bergamo, Daniela Guadalupi, presidente Fondazione ARMR, Luca Patelli, presidente Associazione Angelman onlus.
Immediatamente dopo sarà distribuita ai locali pubblici di Bergamo e provincia la tovaglietta per la Giornata Mondiale dell’Autismo. Una buona occasione per visitare la città, candidata con le sue Mura a Patrimonio UNESCO, e far sentire la propria sensibilità ad un problema che affligge una persona su cento in Europa.

Luigi Franchi
luigifranchi@salaecucina.it

 

 

image_pdfimage_print