Sei nuovi vini Duca di Salaparuta a Vinitaly

Dai Colli Iberici gli Amici di Mario a Vinitaly
22 marzo 2012
Dell’Invidia e delle Liti, al Parco delle Fiabe
22 marzo 2012
image_pdfimage_print

sei-nuovi-vini-duca-salaparuta-vinitalyNon si sa bene il perché, ma quando arriva la primavera il pensiero, che si fa positivo, corre ai vini mediterranei e questa percezione la sa cogliere molto bene Duca di Salapruta.
Infatti, al prossimo Vinitaly, sono ben sei i vini che vanno ad arricchire la gamma Corvo, Duca di Salaparuta e Florio.
Si comincia con un vino che, già dal nome, va venire voglia di sere estive in cui degustarlo: Star & Moon. Due vini freschi ed eleganti, perfetta espressione del territorio in cui nascono, che incarnano la nuova tendenza dell’aperitivo terroir-chic, vini di pregio che si accompagnano a prodotti “doc” italiani per un momento di piacere autentico, da regalarsi a fine giornata.
Poi entra i gioco il versatile mondo Florio fatto di marsala, vini liquorosi e passiti che si arricchisce di un prodotto speciale: lo Spumante Dolce Florio. Un vino aromatico, da uve moscato, dai sentori mediterranei e dalle note agrumate, caratterizzato da un’immagine unica, allegra ed elegante e prodotto con la consueta artigianalità, esclusiva e preziosa, che contraddistingue tutti i vini Florio.
La gamma a marchio Corvo, forse la più nota del gruppo, propone Duetto, due prodotti freschi e moderni che per la prima volta uniscono vitigni autoctoni, da sempre utilizzati da Corvo, e vitigni internazionali che trovano nelle terre di Sicilia un luogo ideale per esprimersi. Il blend fra il Frappato, uno dei vitigni siciliani di maggior interesse, e il Syrah e ancora Insolia e Chardonnay per due vini dallo stile organolettico fresco, leggero ma allo stesso tempo caratterizzati da una certa complessità che risultano versatili e adatti a diverse occasioni, ideali insomma per un bere moderno e mai banale.
Per finire, chapeau a  Corvo Irmàna Fiore, un bianco fruttato e fragrante prodotto con uve autoctone, coltivate nei terreni argillosi delle colline dell’entroterra siciliano. Un vino che nasce dalla terra di Sicilia e che si ispira ai valori che animano il progetto Irmàna: sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente coniugata allo sviluppo sociale ed economico del territorio. Caratterizzato da uno stile semplice e contemporaneo, ottenuto anche grazie all’utilizzo di materiali riciclati per il packaging, Irmàna Fiore è perfetto come aperitivo ma si sposa anche agli antipasti e a pasti leggeri.
Per degustarli in anteprima? Al Vinitaly, padiglione Sicilia!

Per saperne di più: www.duca.it

image_pdfimage_print