Spigaroli riapre le porte dell’Antica Corte Pallavicina

Alma protagonista a Pasta Trend
30 marzo 2011
Carpaccio di porcini con petto di piccione affumicato
30 marzo 2011
image_pdfimage_print

antica-corte-pallavicinaL’ultimo giovedì di ogni mese, da marzo a luglio, sulle rive del Po, si incontrano grandi vini e raffinata cucina. Gli appuntamenti si svolgono all’Antica Corte Pallavicina, il ristorante stellato della famiglia Spigaroli, a Polesine Parmense.
L’ambiente, un castello trecentesco trasformato in relais, vedrà l’alternarsi, nelle cinque serate, di altrettanti  produttori con i loro vini eccellenti. Ad ogni incontro Massimo Spigaroli, patron e cuoco, oltreché promotore della riscossa di queste terre e dei suoi prodotti, culatello di Libello in primis, realizzerà piatti in sintonia perfetta. .
Ad aprire la rassegna, giovedì 31 marzo 2011, sono “I rossi di Montevertine”, quattro nettari di razza che provengono dalle cantine del produttore vignaiuolo Martino Manetti di Radda in Chianti: il Montevertine 2008 e le Pergole Torte del 2008, 2004 e 2001.
“I vini del terroir Liguria” sono i protagonisti del secondo incontro in programma giovedì 28 aprile alle ore 20, durante il quale il produttore vignaiuolo Walter De Battè presenterà le sue creazioni della Riviera di Levante: i bianchi Carlaz (Vermentino in purezza) e Harmoge (Vermentino, Bosco e Albarola), i rossi Tonos (Sangiovese, Canaiolo, Ciliegiolo, Dolcetto, Cabernet Sauvignon, Moscato Nero) e Cericò (Grenache e Syrah).
Le rare bollicine “haute gamme” dei migliori produttori di Champagne – Philipponnat, Jacques Selosse, Egly-Ouriet, Georges Laval e Jérome Prevost – arriveranno sulle tavole del ristorante dell’Antica Corte Pallavicina giovedì 26 maggio alle ore 20, grazie all’importatore Giuseppe Mongiardino, che presenzierà alla serata “I grandi Cru di champagne”.
Giovedì 23 giugno alle ore 20 il quintetto di vini bianchi da uve autoctone atesine Pinot Bianco, Pinot Grigio, Gewurztraminer, Kerner e Sauvignon si presenteranno con il proprio connubio di freschezza e mineralità a “I vini bianchi monovitigno dell’Alto Adige di Tenute Costa”.
Il cerchio si chiuderà con una “full immersion” nell’aristocrazia enologica de “I grandi Chardonnay di Borgogna”. Leroy, Dominique Laurent e Domaine d’Auvernay – le migliori espressioni dello Chardonnay, principe di eleganza e finezza a livello mondiale – concluderanno il ciclo giovedì 28 luglio alle ore 20.
Tutte le serate di degustazione guidata, a prenotazione obbligatoria, saranno accompagnate da aperitivo e visita alle cantine di stagionatura dei culatelli.

Per saperne di più: http://www.acpallavicina.com/

image_pdfimage_print