The Good for Food Reggio Emilia for Norcia

Controcanto
15 maggio 2017
Maremmachevini
18 maggio 2017
image_pdfimage_print

“Nel 2012 il terremoto ci ha costretto a chiudere Il Rigoletto, il ristorante di Reggiolo con cui abbiamo ottenuto le due stelle Michelin. Nei mesi successivi abbiamo trovato la solidarietà di tanti colleghi in giro per l’Italia, in particolare della famiglia Bianconi, proprietaria del Palazzo Seneca di Norcia. Così abbiamo deciso di ricambiare, concentrando gli aiuti su Norcia in una sorta di ‘solidarietà tra ristoratori’ nel mese di maggio, quando cadrà il quinto anniversario del terremoto in Emilia”.
A raccontare è Fulvia Salvarani che della solidarietà e della valorizzazione dei territori ha fatto un punto fermo della propria vita, insieme a suo marito Gianni D’Amato e al figlio Federico.
Non ci sarà probabilmente più il Rigoletto, ma non per questo la famiglia D’Amato ha rinunciato alla cucina; anzi, è diventata addirittura più accessibile portando la loro esperienza e competenza nel cuore di Reggio Emilia, dove hanno aperto il Caffè Arti & Mestieri.
Da qui, una sorta di quartier generale della solidarietà, è partita l’idea di dar vita a The Good Food, “un evento che, passando dal cibo, arriva al cuore di ogni emiliano. Quel cuore che ha tremato cinque anni fa, ma che oggi è già pronto ad aprirsi nell’aiuto di un’altra popolazione colpita dal terremoto: gli abitanti di Norcia” racconta Fulvia.
Sono bastati pochi giorni alla famiglia D’Amato per raccogliere attorno a sé tante adesioni, dal Comune di Reggio Emilia al ristorante pizzeria Piccola Piedigrotta, da Food Innovation Program all‘agenzia Canali&C. che curerà l’intero processo di comunicazione e promozione, dall’ARCI Reggio Emilia alla Cooperativa Borea con cui i D’Amato già condividono altri eventi solidali.

THEGOODFOOD_PROFILOUna macchina organizzativa che si è messa in moto con idee chiare sul programma e sulla destinazione dei fondi: domenica 28 maggio, Piazza Martiri del 7 Luglio ospiterà infatti un grande festival dello Street Food con oltre 25 operatori che proporranno specialità emiliane e umbre di alta qualità.
La giornata sarà arricchita da spettacoli, show cooking e DJ set; particolarmente interessante si preannuncia il laboratorio con i bambini curato da Antonella Bondi.
Alla sera il Caffè Arti & Mestieri ospiterà un appuntamento esclusivo: una cena di gala a cura di Gianni e Federico D’Amato. Nel cortile del ristorante, verranno serviti aperitivo, finger food e cena. Sarà una serata gourmet di altissimo livello con solo 50 posti a disposizione che verranno assegnati tramite una speciale asta benefica online, che si chiude domenica 21 maggio.
Un’anticipazione dell’evento è prevista sabato 27 maggio, quando i frati benedettini di Norcia si incontreranno con il pubblico reggiano, in un colloquio moderato dal direttore di Telereggio Mattia Mariani, alle 16 presso il cortile di Palazzo Sacrati.
L’intero ricavato dell’iniziativa sarà devoluto al Progetto Arca dell’associazione I love Norcia, nato per sostenere, promuovere e valorizzare il territorio di Norcia colpito dal terremoto al fine di favorirne la ricostruzione e la rinascita della comunità attraverso la formazione, il lavoro e la socialità.

safe_image “Il nostro intento non si ferma qui – racconta Fulvia Salvarani – non a caso è stato ideato un particolare logo che raffigura una spirale che termina con una forchetta, a simboleggiare la circolarità del cibo come comunità che si riconosce nel linguaggio della solidarietà”.
The Good Food – Reggio Emilia for Norcia è organizzato in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia e con il patrocinio di: Diocesi di Reggio Emilia Guastalla, Provincia di Reggio Emilia, FAI Fondo Ambiente Italiano, FAI giovani.
Il progetto è sostenuto da: Confindustria, Confcommercio, CGIL, CISL, Lega Coop Emilia Ovest, Associazione “Butta la pasta”.

Per maggiori informazioni segui il programma su www.thegoodfood.it

image_pdfimage_print