Torino è pronta per Cioccolatò

Gourmet: il nuovo appuntamento dedicato all’ho.re.ca.
18 novembre 2015
Origin Green per i prodotti irlandesi
18 novembre 2015
image_pdfimage_print

A Torino, dal 20 al 29 novembre, va in scena il cioccolato, con la dodicesima edizione di CioccolaTò, evento a cui prendono parte i più importanti operatori nel settore a livello nazionale, con un’attenzione particolare alla tradizione cioccolatiera piemontese.
Numerose le iniziative proposte all’interno della kermesse: incontri con gli esperti, degustazioni, attività culturali e di animazione, iniziative ludico-didattiche per bambini legate al cioccolato made in Italy ed internazionale. Un vero e proprio Chocolate Exploit, come recita il claim di CioccolaTò 2015, la cui immagine ufficiale interpreta la Mole Antonelliana, composta da numerosi e variegati cubetti di cioccolato.
Il cuore dell’evento sarà la suggestiva Piazza San Carlo, con una ricca proposta di attività gestite e coordinate da Conpait, Confederazione Pasticceri Italiani. Il Presidente, Federico Anzellotti, il delegato regionale Alessandro Del Trotti e la Cake Designer torinese, Elena Bosca, sono alcune delle importanti presenze che si alterneranno alla guida dei laboratori di pasticceria, mentre, grazie alla collaborazione con AIC, Associazione Italiana Celiachia, sezione Piemonte – Valle d’Aosta, sarà possibile scoprire tutto il gusto del senza glutine partecipando ai laboratori di pasticceria Gluten Free per adulti.
Fra gli appuntamenti attesi e consolidati, la rassegna letteraria Cioccolata con l’Autore e lo speciale Gianduiotto Day, la giornata dedicata al cioccolatino simbolo del Piemonte, con la consegna del prestigioso
Gianduiotto Award ad un soggetto locale che si è particolarmente distinto per la valorizzazione e la promozione della tradizione cioccolatiera locale.
Non mancherà il Chocolate Show, il ricco emporio del cioccolato, che permetterà ai visitatori di scegliere fra migliaia di referenze proposte da un centinaio di aziende fra piccoli artigiani, medie e grandi imprese dolciarie nazionali ed internazionali. Novità di quest’anno, lo spazio Vegan Chocolate, che affiancherà l’area Gluten Free.
Per entrare nel dettaglio del programma si segnala che per l’intera durata della kermesse, alle ore 15.00, sarà possibile partecipare a La cultura del cacao e del cioccolato Domori. Alle 19.00, il pubblico sarà invece condotto in Un viaggio nel cioccolato Pernigotti, espressione dell’eccellenza piemontese e italiana. I visitatori potranno inoltre prendere parte a Il Gianduiotto Caffarel ti mette l’oro in bocca, appuntamento con l’inimitabile Gianduiotto Caffarel che nasce dall’unione di cacao e zucchero con la pregiata nocciola di Piemonte IGP. Una particolare sessione di degustazioni sarà riservata a L’eccellenza del cioccolato piemontese sotto la guida dei titolari e maestri cioccolatieri delle aziende che hanno fatto la storia del cioccolato (da Venchi a Ziccat a Pastiglie Leone e Odilla Chocolat).
Forti del successo della precedente edizione, i Laboratori Masterchoc, organizzati in collaborazione con Conpait, Bravo e Centrale del Latte di Torino permetteranno ai visitatori di cimentarsi in prima persona nella creazione di golose prelibatezze al cioccolato.
I migliori Chef e gastronomi del Piemonte si confronteranno nell’appassionante competizione, La Disfida del Bonèt, organizzata da Slow Food Piemonte – Valle D’Aosta e presentata da Leo Rieser. Fornendo una personale interpretazione del tipico dessert a base di cacao, dovranno conquistare non solo il palato di una giuria tecnica, composta da critici e giornalisti, ma anche il consenso di una giuria popolare.
Il CioccolaTOUR, organizzato in collaborazione con FEDERAGIT Confesercenti, venerdì, sabato e domenica, con partenza alle 15.30 da Piazza San Carlo, condurrà turisti e visitatori attraverso un itinerario nella storia e nell’atmosfera dei ciocolatè torinesi. Un’occasione per vivere il racconto della sublime arte che da secoli si tramanda in Piemonte, dalla cioccolata in bevanda della corte sabauda al gianduiotto, attraverso i salotti torinesi e i caffè Risorgimentali con i loro tipici bicerin.

Lucilla Meneghelli

image_pdfimage_print