Antica Trattoria La Moreieta dal 1890, un luogo di famiglia sui Colli Berici

La Burger Battle 2019 è stata vinta da Antonio De Lauro
19 febbraio 2019
La pizza, una storia contemporanea. Il libro di Luciano Pignataro
20 febbraio 2019
image_pdfimage_print


Cinque generazioni
.
Se siete ristoratori – ma anche se non lo siete – capirete quanto sia difficile dare una continuità di questa portata ad un ristorante.
Eppure qui, all’Antica Trattoria La Moreieta, ad Arcugnano (VI), sta accadendo.

 



L’insegna porta come anno d’inizio il 1890, ovvero quando Italia, originaria di Soghe, rientrata per amore dall’Argentina, decise di mettere su famiglia e, al contempo, rimboccarsi le maniche aprendo un’attività.
Nei mesi trascorsi come emigrata oltreoceano si era avvicinata ai fornelli, più per sostentamento dei braccianti che per lei stessa, e aveva colto la sua missione: accogliere e cucinare.
Trovò l’occasione in questo luogo – esattamente dove ha sede oggi la Moreieta –  che già trascinava con sé una bella storia: si dice vi fosse una stazione di posta, un bivacco per i cavalli, e che fosse uno snodo importante, di ristoro e villeggiatura, persino per i veneziani.

Oltre ad aprire locanda, ristorante e bottega, Italia mise al mondo sette figli, tra cui Angelo che si prese in cura la trattoria. Angelo ebbe a sua volta altri figli tra cui Giorgio, che sposò Edda.
A detta di Stefano – che con il fratello Roberto rappresenta la quarta generazione, e ci ha raccontato per filo e per segno tutte le vicende – è stata proprio Edda, la loro madre, l’anello che ha tenuto in vita il locale.
La sua curiosità, il suo legame con il territorio, il suo sguardo contemporaneo l’hanno spinta ad introdurre prodotti nuovi in cucina, e a ridefinire i piatti, rendendoli più attuali” racconta Stefano.
Ne è l’esempio il “suo” risotto al tartufo: “un piatto che ha cambiato le prospettive di un luogo che, al tempo, era in ritardo su tutto”.



Se oggi un risotto al tartufo qui, così come un tagliolino, è una proposta ben salda nel menu, non possiamo dire altrettanto dell’epoca in cui Edda lo propose per la prima volta. Quel tubero tanto pregiato era un prodotto locale, sì, ma fino ad allora semi-sconosciuto. E inserirlo nel menu, rappresentò la svolta.
Lo stesso risotto al tartufo oggi è proposto da mio figlio Mattia, classe 1992. Ci ha messo due anni per riuscire a replicarlo fedelmente. Mamma Edda veglia sempre sulla cucina, e su quei piatti storici, ma è Mattia ora ad avere in mano le redini delle comande. In sala c’è poi l’altro mio figlio, Giorgio, anche lui è la quinta generazione de la Moreieta. Mi affianca, sta imparando tanto. In loro vedo il futuro del locale”.

Stefano vanta esperienze importanti in tanti ristoranti e strutture alberghiere.
Si era messo in moto sin da giovanissimo con un obiettivo preciso: “Ogni mia esperienza é stata funzionale a far crescere il ristorante di casa. La forza dell’Antica Trattoria Moreieta è insita proprio nel valore che ha per noi, e per la nostra famiglia, questo luogo – spiega. Qui c’è un forte senso di protezione. Lo respirano anche gli ospiti che vengono qui anche loro da generazioni. Abbiamo uno spirito di collaborazione solidissimo e dobbiamo molto anche a mia moglie, e a tutti i nostri collaboratori”.

Se andate a trovarli preparatevi ad un menu con piatti tipici ben presentati, una carta dei vini con oltre 400 etichette e delle sale accoglienti. Ma anche ad un contorno inaspettatamente rilassante: fuori si dipanano i sali e scendi dei Colli Berici, percorsi ciclopedonali, e pure un lago, il Lago di Filmon, che in molti non avranno mai sentito nominare.
E, tempo permettendo, si possono scorgere con un certo stupore anche le bellissime Alpi.

Antica Trattoria Moreieta 
Via Soghe, 35
36057 ARCUGNANO (VI)
moreieta@libero.it
0444 273082 346 3592141

image_pdfimage_print