Il modello di accoglienza in sala, raccontato da Alberto Santini
9 aprile 2017
6,5 miliardi l’export italiano del vino
11 aprile 2017
image_pdfimage_print

Capperi…che pizza! Sembra un’esclamazione di sorpresa e proprio su questo gioca il nome della nuova impresa di Giuseppe Acciaio e della sua famiglia. Vuole significare la rinascita della pizza come alimento di straordinario valore, la riscoperta di sapori e profumi per molto tempo banalizzati in una “semplice pizza”. La pizza della famiglia Acciaio non ha niente di banale e la sua semplicità sta nella qualità dei suoi ingredienti, nell’abilità nel miscelarli, accostarli e lavorarli per ottenere un piatto perfetto che, nato dalla più pura tradizione partenopea, diventa una specialità di tutti e per tutti.

capperi_chepizza

“Il progetto Capperi…che pizza! – spiega Giuseppe Acciaio – nasce da una riflessione: che la pizza servita oggi nella maggior parte delle pizzerie italiane aveva perso quei valori di qualità, digeribilità e originalità che un tempo ne erano il tratto principale. Un prodotto svilito perché privo degli ingredienti adatti e quindi, dal momento che le materie prime di qualità le conosco e le tratto da molti anni, ho sentito il dovere di agire in prima persona per ridare dignità alla pizza”.
Capperi…che pizza è un franchising perché il format permette a Giuseppe Acciaio e ai componenti della sua famiglia, che lo affiancano nel progetto, di controllare personalmente la gestione e intervenire con la loro esperienza e competenza.

Jpeg

La prima apertura a Milano, ma presto seguiranno Salerno e Lugano. L’allestimento del locale, replicabile in ogni pizzeria della catena, è stato studiato per comunicare solarità e mediterraneità ma con grazia e leggerezza senza cadere nella trappola folkloristica di “pizzeria” vecchia maniera. Ceramiche, colori e materiali naturali ed ecocompatibili, forno elettrico ecologico e un assortimento di birre artigianali selezionate per accompagnare la straordinaria pizza gourmet realizzata con farina di tipo 1 e 2, una selezione di pomodorini del Piennolo dop, Corbarino, capperi di Salina, tonno e alici di Cetara, friarielli del Vesuvio e fichi del Cilento. Tipicità tutte prodotte in modo diretto dalla famiglia Acciaio, con i brand L’Orto di Lucullo e I Sapori di Corbara, con i quali coltivano la qualità con squadre di contadini incoraggiati a seminare antiche coltivar nel rispetto della natura.
Le nuove pizzerie gourmet della famiglia Acciaio pongono in primo piano il buono e saporito con attenzione estrema al benessere del cibo e quindi del consumatore, sono un format innovativo che viaggia alla riscoperta dei sapori genuini ed esprime la natura in ogni suo aspetto.

Marina Caccialanza

Capperi… che pizza
Piazza Santa Maria del Suffragio, 3
20135 Milano
Tel. 02 87073392

image_pdfimage_print