Formazione

Nella mia ultima lettera aperta, mettendo in discussione la rigidità di certe sale, ripresa da Antonio Scuteri di Repubblica (che ringrazio) si è scatenato un discreto dibattito social che mi ha portato a riprendere l’argomento da un altro punto di vista: quanto vale ancora la trattoria, come luogo di ospitalità, nel panorama italiano della ristorazione?
La mia personale risposta è: molto, moltissimo!
La trattoria, l’osteria, le formule miste che in città si trasformano in bistrot, restano nell’immaginario collettivo luoghi della tradizione ma, in realtà, non è così; a mio parere di tradizionale mantengono una naturale predisposizione all’accoglienza, mentre, in tantissimi casi, hanno saputo evolversi nelle tecniche di preparazione e cottura alleggerendo, elevando la qualità delle materie prime, sperimentando nuove modalità di presentazione di piatti che hanno fatto la storia della cucina italiana.
L’esempio più evidente viene da un’associazione, le Premiate Trattorie Italiane, che ha messo in comunione proprio questa filosofia. Ma questo esempio è solo la punta di quella solidità di intenti e azioni che coinvolge il ben più ampio fronte della gestione, soprattutto economica, di un pubblico esercizio.
Fateci caso: sono molto rare le nuove aperture, codificate come trattoria, che entrano in difficoltà rispetto a tante altre formule modaiole e improvvisate.
Il motivo risiede in molti fattori, ma uno in particolare è quello prevalente: aprire una trattoria oggi è, per chi lo fa, una scelta di vita, il desiderio di condivisione con le persone, il piacere di dare piacere e vederlo negli occhi e nelle parole dei commensali.
A questo, in molti casi, unisce un modus operandi: l’oste, quello vero, ha un rapporto con i fornitori che rimanda al valore della stretta di mano di un tempo. Pagamenti regolari, confronto con i distributori e i produttori teso a migliorarsi a vicenda, rispetto reciproco del proprio lavoro.
E quello stile si riflette in ogni passaggio della gestione, dal rapporto con il personale fino a quello con il cliente; in una trattoria si capisce quando c’è serenità, nonostante il lavoro sia molto più duro rispetto ad altri locali.
C’è una bella intervista di Marco Bolasco a Niko Romito che fa giustizia di molte  paranoie mentali, in cui, tra le tante belle riflessioni, spicca questa frase: “Il concetto di trattoria attualizzato e con il pensiero di un cuoco italiano può conquistare il mondo anche di più di quanto non abbiamo saputo fare fino a oggi. Anche perché la gente vuole più informalità ma la sfida è fare informalità, anche nell’accoglienza, con maggiore professionalità, non con le pacche sulle spalle”.
Ecco quello che può davvero diventare identitario della ristorazione italiana: mettere al centro, in ogni formula di ristorazione, l’accoglienza. Quella dimensione empatica che ci è riconosciuta in ogni parte del mondo, e che ci fa perdonare per molti altri limiti, è il futuro della ristorazione (dando per scontata la qualità del cibo). E questo non si insegna, lo si impara giorno dopo giorno a contatto con l’ospite.
Nelle trattorie è ancora una sana abitudine, non perdiamola di vista.

Luigi Franchi

image_pdfimage_print
image_pdfimage_print
16 ottobre 2018

Ode alla trattoria

Mettere al centro, in ogni formula di ristorazione, l’accoglienza
13 settembre 2018

I ristoratori di Valeggio sul Mincio: far sentire nel piatto rispetto e gratitudine

Lasciare libero un sentimento di accoglienza e di buon servizio, unito alla qualità del cibo. questo è, per noi, fare ristorazione!
5 settembre 2018

Non siamo al centro del mondo

Torniamo a dare il giusto peso e valore alle parole che riguardano il cibo e la ristorazione
5 settembre 2018

La formazione per l’ospitalità: come funziona in Canton Ticino

Dell’offerta formativa ne parliamo con Charles V. Barras, direttore della scuola, e con Michele Naretto, gerente del ristorante Castelgrande
24 luglio 2018

A tutto gusto e freschezza: in cucina con Vivien Reimbelli

Come suggerisce lo chef Vivien Reimbelli, è importante scegliere prodotti che uniscano qualità, gusto e velocità di esecuzione
20 luglio 2018

Bistrò 53 a Carpi: il punto d’incontro per socializzare

Un percorso animato da importanti collaborazioni come quella appena siglata con il Consorzio Modena a Tavola e i suoi 40 ristoratori
9 luglio 2018

Ahh… ma sei del Saffi! Quando una scuola diventa sinonimo di identità

Si studia al Saffi, e ci si interroga tutti insieme – docenti, genitori, studenti – su quale futuro intraprendere. Lo hanno sempre fatto...
3 luglio 2018

Costa del Cilento: un team di cuochi e pasticceri che miete premi

Otto concorsi, otto medaglie d’oro; hanno di che essere soddisfatti i componenti del Team Costa del Cilento,fondato da Matteo Sangiovanni
22 giugno 2018

La felicità ha il sapore della salute: il libro di Vittorio Fusari e Luigi Fontana

Vittorio Fusari, chef e filosofo del cibo, non ha dubbi: “Mangiare bene è giusto, gratifica il gusto, ci permette una buona vita..."
11 giugno 2018

IIS Vergani – Navarra di Ferrara: inizia il nostro viaggio negli istituti alberghieri italiani

L’I.I.S. ‘O.Vergani-Navarra’ mi accoglie dentro lo storico Palazzo Pendaglia, nel cuore di  Ferrara, una città riconoscente alla storia perché l’ha saputa valorizzare. Il primo doveroso incontro […]
6 maggio 2018

Riu.Saggio- L’alternativa allo spreco alimentare

A Serramazzoni, in provincia di Modena, si è svolto venerdì 3 maggio, presso la Scuola  Alberghiera e di Ristorazione, il saggio finale 2018.
5 aprile 2018

Antonio Santini agli studenti di ALMA: essere artefici del cambiamento

Dopo averli ascoltati, uno ad uno, con la massima attenzione, raccontare le loro aspirazioni, il motivo che li ha portati a frequentare il corso sul servizio […]
3 aprile 2018

Madia spa: ogni anno qualcosa di eccellente al servizio della ristorazione

Un raggio d’azione di 100 km – tra Friuli Venezia Giulia, Veneto Orientale, Austria, Slovenia – per potersi prendere cura dei propri clienti come solo la […]