I numeri e le idee di CHIC, Charming Italian Chef

Corso di Wine Meridian per diventare Export manager del vino
25 marzo 2016
Aspettando Parolario con Gualtiero Marchesi
29 marzo 2016
image_pdfimage_print

104 soci, 101 locali, di cui 93 in Italia e 8 all’Estero, 50 stelle Michelin. Con questi numeri si è aperto il congresso annuale di CHIC, Charming Italian Chef, l’associazione presieduta da Marco Sacco, chef del Piccolo Lago**, e diretta da Raffaele Geminiani.
Il congresso si è svolto nei giorni scorsi in Valtellina, ospiti del Floridia, ed è stata l’occasione per presentare il programma 2016 dell’associazione che ha visto l’ingresso di nove nuovi associati – Federico Beretta, Feel – Como; Giuseppe De Rosa, Hilton Garden Inn – Matera; Fabio Groppi, Escargot – Costa Rei (CA); Luca Mauri, AdiAlice – Monza; Pier Giorgio Parini, Povero Diavolo – Torriana (RM); Ilija Pejic, Ilija Ristorante – Tarvisio (UD); Mario Porcelli, Alpenroyal Gourmet – Selva di Valgardena (BZ); Giuseppe Raciti, Zash Boutique Hotel – Riposto (CT); Emanuele Vallini, La Carabaccia – Bibbona (LI) – e di Franco Pepe, di Pepe in grani di Caiazzo nel consiglio direttivo.

Chef a CHIC
“È importante intraprendere un dialogo con le principali associazioni del nostro settore – ha spiegato il presidente di CHIC Marco Sacco – a partire da Le Soste, dando la misura di quanto gli chef italiani, all’indomani dell’incontro con il governo della scorsa settimana, siano pronti a fare sistema per promuovere la cucina italiana di qualità nel nostro paese e all’estero”.
Parte da questa considerazione la serie di iniziative, oltre alla presentazione della propria guida, che CHIC intende mettere in campo.
La prima di queste è In The Kitchen Tour, il circuito B2B, il cui scopo è di far incontrare gli chef e le aziende in jam session all’interno di una cucina, alle prese con il meglio dei prodotti dei diversi territori. Il primo appuntamento è fissato per lunedì 18 Aprile presso il Refettorio Ambrosiano di Milano. Si proseguirà, poi, con altri incontri a Verbania, Roma, Torino, Vicenza e Napoli, dove è prevista la prima Pizza Jam Session, che vedrà i pizzaioli gourmet più famosi d’Italia impastare e improvvisare insieme a grandi chef.

Luigi Franchi
luigifranchi@salaecucina.it

image_pdfimage_print