Il Cantiere del Gusto, sei mesi di eventi food

La nuova scuola alberghiera di Cornaredo, Oldani ne sarà mentore
13 giugno 2016
Dimitri Restaurant, un pieno di idee e soluzioni
13 giugno 2016
image_pdfimage_print

Sei mesi di iniziative mirate a favorire l’incontro e il confronto tra ristorazione e industria alimentare di qualità. Questo è il senso del Cantiere del Gusto, la struttura inaugurata pochi giorni fa a Striano (NA) dalla famiglia Gerli, imprenditori e distributori leader nel settore del frozen.
Nel nuovissimo Event Space dello stabilimento Gerli di Striano, il 13 e 14giugno i rappresentanti di grandi brand dell’industria italiana ed internazionale d’eccellenza come Gerfrio, Amadori, Pizzoli, Orogel, Noriberica, Rispo, Del MonteSmoothie, Bindi, Giraudi, Skagerak eAsaro, e i maggiori riferimenti della ristorazione in Campania si incontreranno per scambiarsi spunti e opinioni, motivati da una visione comune: una sana esperienza di gusto.
La serata inaugurale ha visto Giulio Gerli presentare, in prima persona, il pool di aziende e dare il via ad un originale percorso gustativo che ha fatto scoprire agli ospiti le caratteristiche di un prodotto frozen, la cui qualità è considerata intrinseca: versatilità, salubrità, spreco zero.
“DA lunedì 13 giugno – ha spiegato il presidente del gruppo Gerli – il Cantiere del Gusto ospiterà, per sei mesi, una serie di incontri tra i professionisti della filiera – industria, distribuzione, ristorazione, giornalismo – per favorire e, in alcuni casi, superare quell’invisibile barriera che rallenta un indispensabile processo di collaborazione”.
Si comincia con una conferenza sul tema “Siamo quello che mangiamo” con medici ed esponenti del frozen food.
Si prosegue, nel pomeriggio di lunedì 13 giugno alle 16,30, con la seconda conferenza su “La comunicazione nel food: le voci autorevoli dei protagonisti”, con la presenza di Luigi Franchi, direttore del magazine sala&cucina.
Martedì 14 giugno altri due appuntamenti: “Può l’industria collaborare con il Km. 0?”, con la partecipazione di Patrizia Spigno, Slow Food Vesuvio, e Giustino Catalano, consulente enogastronomico. Poi è la volta di Alfonso Crisci, chef patron di Taverna Vesuviana, sul tema “Il frozen e l’alta cucina”.
Il programma si completa con show-cooking, degustazioni guidate per i professionisti, premiazioni agli studenti degli istituti alberghieri.
Per restare aggiornati sul programma dei prossimi sei mesi cliccate qui

Guido Parri

 

image_pdfimage_print