La naturale sontuosità di casa Zunica

Diventare pizzaiolo: un percorso d’arte
22 luglio 2016
Gruppo San Benedetto, al timone del beverage analcolico in Italia
22 luglio 2016
image_pdfimage_print

Siamo in uno dei Borghi più belli del Bel Paese! Siamo a Civitella del Tronto, là dove il medio Adriatico, talvolta placido e talvolta birichino, si lascia ammirare dall’alto. E il severo Gran Sasso, quasi sempre innevate le sue cime, e la poderosa Maiella. Siamo nella quinta naturale di un panorama suggestivo di cui ci si inebria. Inno alla vita degna di essere vissuta!
La fortezza borbonica che domina l’abitato è memoria viva di storia recente. Essa, inespugnata, costituì l’ultimo lembo italiano che il Regno di Sardegna annesse per commutarsi poi, Vittorio Emanuele II regnante, in Regno d’Italia.
Nella piazza principale, da quattro generazioni, in poderoso ed elegante palazzo del Seicento, l’albergo Zunica, attualmente condotto, quarta generazione, dal prode Daniele Zunica.

Daniele Zunica (2)

Il patron Daniele Zunica

Diciassette camere molto confortevoli. E’ l’ospitalità schietta, quella che viene da sé, spontanea, quella che è sempre più difficile a farsi!
Al primo piano, elegante salone, tavoli ben distanziati, arredi in sintonia, il ristorante. Meta di gourmet, meritata la fama, si definirebbe, laddove possibile, l’intera struttura, incluso il vivace bar al piano terra, un D&B, ovvero un Dinner & Bed. Si viene per cenare; e poi, curve a scendere, etilometri e colpi di sonno, nulla di tutto ciò: si dorme nella componente “B” e l’indomani mattina gioiosa e ottima è la prima colazione.
In cucina, una certezza della ristorazione abruzzese: Sabatino Lattanzi, dalla sua brigata ben coadiuvato. In sala, evidente la sua abilità, il maître Giuseppe Procaccini. L’impeccabile carta dei vini, ben lontana dallo sterminato offering costituito dalle altisonanti etichette ben note, bensì centrata su autentiche chicche, è governata dal sommelier Maurizio Neri.

??????????????????????

Lo chef Sabatino Lattanzi

Menù in funzione di stagioni e di poliedrico territorio. Imperativo inderogabile: freschezza ed alta qualità.
Tre i menù degustazione. E le proposte alla carta, suadentemente illustrate dal patron Daniele e dall’affabile Giuseppe.
Sabatino manda dalla cucina il suo benvenuto con un’eccellente preparazione: gamberi rossi di Mazara del Vallo con gelato al frutto della passione. Temperature originali, abbracci gaudenti. I pani, squisiti, sono fatti in casa.
Tra le allettanti proposte inserite alla voce Antipasti, si opta per un impegnativo “la modernità del pancotto”. Il pancotto, si sa, era il cibo della società contadina. Elogio (all’epoca forzoso) del riutilizzo di tutto quanto edibile. Il pane, sacro a tavola, inconcepibile che divenisse rifiuto, lo si cuoceva in acqua e, variamente speziato, lo si riproponeva sul desco nel giorno successivo. Sabatino lo ha rielaborato, il pane cuoce in brodo di cappone e si lascia voluttuosamente contaminare da doviziose cadute di Parmigiano-Reggiano DOP invecchiato 36 mesi.

234_item_7

 

Si prosegue con un primo piatto, impeccabilmente eseguito dallo chef Sabatino Lattanzi, che permarrà memorabile per quanto pregevole e squisito: SpaghettOro Verrigni cacio e pepe. Si parlava di ospitalità schietta e naturale, ecco, mutuato ciò al ristorante, qui parliamo di una tale padronanza di tecniche ed una tale meticolosa attenzione agli ingredienti, che una cacio e pepe così buona non ancora avevamo avuto modo di degustarla!
Nei calici, coerentemente alle chicche in carta dei vini di cui si diceva, un prodigioso Bianco Paltrinieri, da uva sorbara vinificata in bianco e uva trebbiano. Tale sorprendente vino in calice perdurante, arriva in tavola, garbato ed elegante il servizio, un sontuoso maialino nero teneramente croccante con purea di sedano rapa e yogurt. Evidente quanto meritorio il giuoco delle cotture svoltosi nella laboriosa cucina.

Zunica_Rist_Zunica_1880-Civitella_del_Tronto-Restaurant_2-251968

A concludere sì gradevolissima cena, l’Assoluto di Nocciola: un grande classico. Ad esso, lodevolmente abbinato, il poco conosciuto Ratafià di Santo Spirito, azienda liquoristica abruzzese. In due persone, per tale sontuosa esperienza, il conto è di cento euro.

Vincenzo D’Antonio

RISTORANTE & HOTEL ZUNICA 1880
Piazza Filippi Pepe
64010 CIVITELLA DEL TRONTO (TE)
Tel. 0861 91319
www.hotelzunica.it

 

 

 

image_pdfimage_print