L’Antica Bottega del vino tra gli 11 luoghi del cibo e del vino, secondo Wine Spectator

Le guide servono agli chef o gli chef servono alle guide?
26 settembre 2016
A Salsomaggiore torna Mangiacinema: cibo d’autore e cinema goloso
28 settembre 2016
image_pdfimage_print

Quando ci si trova associati ad una classifica internazionale in compagnia di La Tour d’Argent e Louis XV di Alain Ducasse, la soddisfazione è grande. Devono averlo pensato i titolari dell’Antica Bottega del Vino di Verona – rilevata nel 2011 dalle Famiglie dell’Amarone d’Arte – leggendo l’articolo della prestigiosa rivista internazionale Wine Spectator sugli 11 luoghi del cibo e del vino da provare almeno una volta nella vita: loro, unici italiani, sono tra questi.
Una storia antica, un’impostazione moderna fanno della bottega veronese uno degli esempi lungimiranti di come ci si deve proporre ad una clientela sempre più attenta e competente.
4.500 etichette fanno bella mostra di sé sugli storici scaffali, con un’offerta di vino al bicchiere tra le più interessanti della penisola.
Del resto, proprio la carta dei vini è tra le motivazioni con cui Wine Spectator ha espresso il proprio gradimento; « quelle di essere una venerabile istituzione del vino , per gli arredamenti d’epoca, e specialmente per la spettacolare, forse unica, carta vini ».

lavagna
La sua lunga storia ha radici nel XVI secolo, periodo della Serenissima Repubblica di Venezia, quando era Osteria lo Scudo di Francia. Diventerà poi la Biedemeier nel XVIII secolo con gli austriaci a Verona e dal 1890 Bottega del Vino.
Numerose famiglie si sono succedute nella gestione fino al 2011, quando fu  l’amore scaligero a spingere Le Famiglie dell’Amarone al passo dell’acquisto.
E come scrivono i gestori, “non è possibile raccontare una Bottega che puoi soltanto vivere”.

Luigi Franchi

Antica Bottega del Vino
Via Scudo di Francia, 3
Verona
Tel. 045 8004535
www.bottegavini.it

image_pdfimage_print