Lo Stuzzichino entra nelle Premiate Trattorie Italiane

Sabadì: le tipologie di affinamento nel cioccolato di Modica
9 febbraio 2018
ER School Of Food : la buona scuola social
9 febbraio 2018
image_pdfimage_print

È calore Lo Stuzzichino, l’osteria di S.Agata sui Due Golfi, per quel benvenuto di Mimmo De Gregorio, il patron, che sa di abbraccio ed è anche colore, per quella scelta cromatica di un antico verde pompeiano che connota il locale -dalle pareti alle sedie- emanando una freschezza ed energia che ritemprano. È un indirizzo sicuro questa osteria, che propone i piatti della tradizione sorrentina: un presidio del buon mangiare.
Ma com’è che è diventata richiamo per bongustai fuori rotta e turisti da tutta la costiera amalfitana? Qual è la sua storia?
“Da un’idea di papà Paolo e mamma Filomena, insieme a me e mio fratello Giuseppe- ricorda Mimmo-  nasce lo Stuzzichino, che si propone come rosticceria con i suoi tipici fritti campani (arancini, crocchè di patate, panzerotti, mozzarelle in carrozza, frittata di spaghetti…) da  asporto ma anche da gustare al momento. Ho un ricordo vivo di quando, a ferragosto, i ragazzi venivano da noi a prendere  fritti misti e li portavano in barca, per vedere i fuochi d’artificio a Positano, occasione in cui, come è tradizione, viene gente da tutte le parti del mondo”.


Già un anno dopo l’apertura lo Stuzzichino propone anche qualche piatto della tradizione, come  spaghetti aglio, olio e peperoncino o pasta e patate e provolone del Monaco.
“Papà, noi non siamo una rosticceria ma un’osteria” Mimmo ricorda di aver fatto questa osservazione a suo padre, il quale gli ha dovuto dare ragione. “D’altronde questa vocazione la tenevamo dentro, c’erano anche le condizioni, avendo mio padre e mia madre lavorato nella ristorazione fino a poco prima di avviare questa attività”.
Trascorsi sette, otto anni le motivazioni si sono fatte più forti, e a rincararle è stato un episodio. “Era un pomeriggio di maggio – racconta Mimmo – e stavo transitando col mio vespino davanti alla chiesa di Santa Maria delle Grazie a Sant’Agata quando ho incrociato Gianni Agnelli, che stava passeggiando con Luca Cordero di Montezemolo. Mi sono fermato e gli ho chiesto se potevo fare una foto insieme a loro. In tutta risposta mi hanno chiesto di un’osteria dove poter mangiare. Erano le cinque del pomeriggio. Li ho invitati allo Stuzzichino. Quando siamo entrati mia madre, intenta a pulire l’aglio, non li ha riconosciuti e rivolgendosi a me ha domandato ‘chi entra a quest’ora?’ E io ‘mamma non vedi che è l’avvocato Agnelli?’. Lui, sentendo tutto, è intervenuto dicendo ‘signora scusi l’orario, siamo noi maleducati a entrare adesso: ci adeguiamo a quello che voi state per cucinare, se ci tenete come vostri ospiti’. Ricordo nitidamente che hanno mangiato un paio di cose: la mozzarella in carrozza e gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, poi sono scesi a Marina del Cantone dove hanno si sono imbarcati per Capri. Il bello è che la settimana successiva Gianni Agnelli in persona mi ha chiamato da Monza dicendo di aver mangiato un divino spaghetto poi mi ha passato il suo cuoco perché gli venisse spiegato come preparare la mozzarella in carrozza: ci ha pensato mio padre a spiegarglielo”.
Da quel momento si fece strada la consapevolezza che la loro era una tradizione pura da mettere in risalto sviluppando un’osteria tradizionale, a  partire da un’accurata ricerca di materie prime e di prodotti del territorio, che nel tempo si è estesa sempre più. Ma com’è che Mimmo ha cercato i suoi fornitori? Muovendosi fra le conoscenze del posto, in particolare gli anziani che hanno fatto la storia, ha individuato via via piccoli artigiani, contadini, pescatori. E parlando con i suoi fornitori abituali sono nate e continuano a nascere altre segnalazioni interessantissime di produttori locali magari dimenticati o accantonati, con cui volentieri inizia a lavorare, sostenendo la loro attività e aiutandoli a crescere, dove possibile.


È successo così con gli unici due pescatori di parapandoli (gamberetti di Crapolla) con l’antico metodo delle nasse; con chi coltiva la patata di San Costanzo; con i piccoli produttori della noce di Sorrento sparsi nel territorio; con amarene dei colli di San Pietro, lavorate con pazienza certosina dalla signora Maria e altri ancora.
“Devo riconoscere che proprio negli anni in cui ho dato forma alla mia osteria – dice Mimmo – mi è stato di grande aiuto il contributo di Rita Abbagnale, grandissima figura,  che ha portato la conoscenza di Slow Food in Campania quando la gente non sapeva neanche cos’era. Da lei ho mutuato l’impronta della vera osteria italiana” precisa Mimmo, colmo di gratitudine, che gli ha, da poche settimane, favorito l’ingresso nelle Premiate Trattorie Italiane. E dopo tanti anni di attività si sente ancora Mimmo avvicinarsi al tavolo con un piatto colmo di fritti che esclama “Ecco il nostro Stuzzichino!”: un filo conduttore che non si è mai spezzato!

Simona Vitali

Lo Stuzzichino
Via Deserto, 1/A
80061 S.Agata sui Due Golfi (NA)
Tel. 081 5330010
www.ristorantelostuzzichino.it

 

 

 

 

 

 

 

 

image_pdfimage_print