Tendenze di mercato

Il take-away si evolve. Per la gioia di chi ha il frigo vuoto, e poco tempo di mettersi ai fornelli, arriva a casa di tutto. Dalla pizza al sushi, dall’hamburger alla carbonara, e ora anche i cocktails. Oltre alla ristorazione, allo street-food, e alla gelateria, si possono ricevere cocktail e long drink direttamente a domicilio, grazie a siti professionali che promettono sontuose bevute, con i migliori drink classici e creativi, preparati da bartender di grido, di cui puoi conoscere la solidità dell’intero percorso professionale, consultandone il curriculum, prima d’ordinare. Tramontato dunque il classico bancone in legno con la barra e il barman elegante e in giacca chiara? Forse ancora non del tutto, il cocktail preparato ad arte dal barman, l’atmosfera del locale, la gente, e quelle due piacevoli chiacchiere non possono essere sostituite così facilmente, è un’abitudine per molti irrinunciabile che continuerà, ma ora si può avere tutto questo a casa. Un professionista del bicchiere, che padroneggia la materia, e ha un orto dove crescono piante ed erbe officinali, prepara home made gli sciroppi e i vermouth, attinge a distillati, liquori e sodati di pregio di ogni ordine grado, e si avvale di piccoli e virtuosi produttori di botanicals, scelti solo se super referenziati, o dopo averne personalmente assaggiato la produzione. E nascono start-up che riportano la mixology sotto i riflettori, con un servizio innovativo, ricarichi minimi, e moderne modalità di bere a casa propria, grazie al delivery, la consegna a domicilio.
Serata uggiosa, con nessuna voglia di uscire, e gli amici che ti arrivano a casa all’improvviso? Tra le strutture meglio organizzate, ecco alcune segnalazioni affidabili: Winedelivery, è un’e-commerce del vino e dei drink, a cui ricorrere dalle 10 di mattina, fino all’1 di notte (alle 2 nel weekend), scaricando una pratica app, per ricevere a casa propria bevande alcoliche e analcoliche, ma anche vino DOC, DOCG, biologico, vegano, birra artigianale, liquori, distillati. E’ attiva tra Bologna, Milano e Torino, e dispone di una carta con oltre 1500 referenze tra vini e cocktail, insieme a pratici cocktail-kit, con ghiaccio cannucce e bicchieri inclusi, per prepararsi da soli i drink. Nessun costo aggiuntivo per la consegna, che è garantita in 30 minuti, (ora si effettua il servizio anche ai locali, a cui si consegna in 1 ora), con una franchigia di soli 10 € e una particolare attenzione alla temperatura di servizio delle bottiglie ordinate. Ma non solo, in prossimità di un compleanno o di una ricorrenza, si possono anche scegliere eleganti confezioni regalo, complete di biglietto scritto a mano (www.winelivery.com).
Poi c’è Drinkvery, “i drink che ami a casa tua a Milano, in 29 minuti”, uno slogan che lascia poco all’immaginazione. Un efficiente servizio delivery, che dispone di un’ampia carta cocktail a partire dai modaioli Moscow mule, Dark in storm, ai super classici Negroni, Americano, Cocktail martini, Gimlet, ma anche analcolici, smoothies e centrifugati, consegnati a domicilio. Preparazioni home made, utilizzando i cocktail-kit, oppure con l’ausilio del barman, che viene direttamente a casa, ma anche vini dall’Italia e dal mondo per tutte le tasche, e proposte mirate di piatti gourmet da abbinare al cocktail. La proposta consente attraverso il sito di scegliere fra sette affermati bartender o barmaid, di Milano, esplorandone la vita professionale, e addirittura i cocktail preferiti, e offre dall’estesa cantina, una grande scelta di distillati, e pregiate riserve invecchiate oltre trent’anni (www.drinkvery.com). Mentre a Roma c’è www.drinkdelivery.it, consegna veloce in 30 minuti, con possibilità di abbinare proposte food, di cucina americana, italiana e messicana fino alle 4 di notte.

Luca Bonacini

image_pdfimage_print
image_pdfimage_print
16 aprile 2018

Delivery dell’altro mondo. Anche i cocktail arrivano a casa

Nascono start-up che riportano la mixology sotto i riflettori, con un servizio innovativo, ricarichi minimi, e moderne modalità di bere a casa propria
3 aprile 2018

Madia spa: ogni anno qualcosa di eccellente al servizio della ristorazione

Un raggio d’azione di 100 km – tra Friuli Venezia Giulia, Veneto Orientale, Austria, Slovenia – per potersi prendere cura dei propri clienti come solo la […]
14 marzo 2018

Federico Malinverno: la trattoria ha vinto!

Nell’ultimo anno abbiamo voluto conoscere le Premiate Trattorie Italiane una ad una, delineando per ciascuna un ritratto con le diverse specificità, proprio perché l’unificare sotto uno […]
1 marzo 2018

Online il nuovo sito di Cateringross, il primo consorzio distributivo nel food service

Cateringross è un’azienda con una elevatissima capacità di fare massa critica sul mercato della distribuzione verso il canale food service: in tutto 41 aziende associate, dal […]
25 gennaio 2018

La piadina romagnola e le sue performance

Se re gnocco impera in Emilia e, a seconda delle tradizioni e dei luoghi, viene preparato e chiamato in modi differenti: pinzin fritto a Ferrara, crescente […]
8 settembre 2017

Quale dieta? Ormai ce ne sono per tutti i gusti, ma è meglio saperne di più

Ormai siamo tutti a dieta, ce n’è una per tutti i gusti. Ma come sceglierle? Cosa scegliere? Per molti l’obiettivo è perdere peso, in realtà bisogna […]
5 settembre 2017

Dietro le quinte… del cibo democratico

Nel corso della quarta edizione di Retail Food Service il professor Daniele Tirelli, in una delle sue lucidissime analisi, ha fatto un parallelo tra i prezzi […]
20 luglio 2017

Insetti commestibili, gli italiani sono favorevoli

insetti commestibili
10 luglio 2017

Il nuovo corso di CIR food

Con 560 milioni di euro di ricavi e 15,7 milioni di euro di utili, CIR food, ha consolidato nel 2016 i risultati dell’anno precedente, caratterizzato dai […]
28 giugno 2017

Eletto il nuovo consiglio d’amministrazione di Cateringross

Un nuovo consiglio d’amministrazione e un nuovo presidente sono stati eletti dall’assemblea di Cateringross, consorzio cooperativo operante nel food-service italiano. L’assemblea dei soci ha eletto, nelle […]
23 maggio 2017

Fare colazione è un piacere

Ricordate la scena del film “C’è posta per te” con Meg Ryan che entra in uno Starbucks, mentre la voce fuori campo di Tom Hanks elenca […]
19 maggio 2017

Ittico: una filiera sicura e di qualità

Tempestività, freschezza e qualità: sono i pilastri sui quali Erredi Distribuzione, azienda di Monopoli (Ba) con un ampio assortimento di food e non food, ha fondato […]
15 maggio 2017

La nuova frontiera del servizio

Se ne parla, lo si evoca nei convegni, si afferma che è ormai elemento di differenziazione ma poi, ancora in molti, troppi casi, si guarda ancora […]