Un po’ di Veronelli fa sempre bene…
14 Dicembre 2012
Arriva IlMangiadischi, il format da divorare (anche) con le orecchie
14 Dicembre 2012

Re Panettone da guinness

Quindicimila persone, dieci tonnellate di panettoni venduti, cifre da record per una delle manifestazioni più amate dai milanesi nell’ultimo scorcio dell’anno. Sarà che è un ottimo modo per predisporsi al Natale, portandosi avanti con la gola e con la buona e sempre gradita idea di regalare un prodotto eccellente della nostra gastronomia, sarà che la qualità paga sempre, dunque, la determinazione con la quale Stanislao Porzio ed i suoi Amici del Panettone si prodigano per offrire ai visitatori il meglio del panorama dolciario nazionale è esemplare, in ogni caso la manifestazione, patrocinata dal Comune di Milano e seguita con attenzione dall’Assessore al Commercio Franco D’Alfonso è tra le più riuscite.
Erano 36 i Pasticceri Artigianali presenti che, ricordiamo, avevano l’obbligo di proporre un panettone che rispondesse a tre requisiti fondamentali: niente conservanti, niente emulsionanti, niente additivi alimentari, dunque, il successo di vendita, dimostra come le cose buone ad un prezzo giusto (20 €, prezzo uguale per tutti a fronte di un costo medio al kg di oltre 30 €) hanno un grande mercato.

A margine della manifestazione, alcuni eventi ed un paio di concorsi: uno dedicato ai lievitati innovativi dove una giuria qualificata ha premiato Maurizio Bonanomi della Pasticceria Merlo di Pioltello (MI) per il lievitato classico e Sal De Riso dell’omonima pasticceria di Tramonti (SA), per il lievitato farcito; l’altro pensato per la confezione ha visto prevalere le pasticcerie Ottocento Simply Food di Bassano del Grappa (VI), 1° premio; Marra di Cantù (CO), 2° premio; Pietro Macellaro Pasticceria Agricola Cilentana di Piaggine (SA), 3° premio. Nella categoria prototipi si è imposta «Dopotutto», una confezione progettata da sei studenti di design dell’ITS Machina Lonati di Brescia: Luca Bonzi, Marta Zanolli, Alice Scapin, Alex Rota, Davide Boiocchi, Alessandro Tira. È una scatola che contiene una bella idea: le sei facce del cubo che la compongono, smontate, diventano piatti.
Non resta che augurare a tutti Buon Natale!

Aldo Palaoro

Print Friendly, PDF & Email