Cerca

Premi INVIO per cercare o ESC per uscire

Il Lambrusco Galletto Rosso, a firma Asveri e Siliprandi

16/07/2018

Il Lambrusco Galletto Rosso, a firma Asveri e Siliprandi
Di incontri tra arte e vino ne abbiamo vissuti molti e, quasi sempre, di grande spessore: etichette firmate e numerate da artisti di fama internazionale; vigne che accolgono opere d’arte; salotti letterari in vigna e in cantina; artisti stessi che diventano vignaioli e viceversa.
Ma vedere un gallo posare in uno studio pittorico, con due artisti che lo ritraggono per dedicargli l’etichetta, questo non ci era ancora capitato.
Il Lambrusco Galletto Rosso, a firma Asveri e Siliprandi
Sta in questo la genialità del progetto con cui Beppe Siliprandi- artista, contadino e, per mestiere, selezionatore di eccellenze enogastronomiche – ha deciso di nobilitare un vino, il Lambrusco, e un gallo: il suo prediletto, di nome Pippo.
E lo ha fatto cercando la complicità di un altro artista, Gianfranco Asveri, che lo fa di professione e passione da sempre.
Le opere di Asveri sono esposte in molte parti del mondo, in collezioni private, gallerie e musei, ma la vera sua opera è stanziale, inamovibile, per vederla e restarne affascinati bisogna andare a casa sua, nel suo studio: una stanza dove i quarant’anni del suo essere artista si sono accatastati in tubetti vuoti di olio e di acrilico, in matite e pastelli spuntati e consunti, in stracci induriti di colore, fino a formare una sola straordinaria opera d’arte.
In questo studiolo ha posato il gallo Pippo, per il ritratto che gli ha fatto Beppe Siliprandi e i contorni coloratissimi di Gianfranco Asveri che adornano etichetta e scatole da sei bottiglie del Lambrusco IGT Emilia Galletto Rosso.
Il Lambrusco Galletto Rosso, a firma Asveri e Siliprandi
“Voleva essere un divertimento – confessa Beppe Siliprandi – al punto che le scatole sono riciclate da altri vini e noi le abbiamo semplicemente rivestite con due opere a nostra firma. L’etichetta, invece, è in rilievo nei segni di colore di Asveri”.
Un divertimento che ha significato 1.500 bottiglie andate a ruba e una prossima produzione di altre 9.000!
Per assaggiarlo, sembra persino più buono, vi consigliamo: L'Antica Bottega del Vino a Verona, l’Antica Corte Pallavicina a Polesine P.se dai fratelli Spigaroli, il KM 90 a Fidenza (PR) e l’Osteria di Fornio, sempre in terra fidentina.
Oppure prenotarlo. Per tempo!

Per info: Beppe Siliprandi 333 4656425

Luigi Franchi

Foto di Gianfranco Negri