Materie prime

Un tempo era chiamato Via della Seta il percorso che portava i mercanti da Venezia all’oriente, un ponte che univa la Serenissima alla Cina passando per il Mediterraneo dell’est e la Mongolia. Marco Polo ne raccontò i fasti; la storia e la cultura di Venezia e di tutto l’occidente ne assorbirono le tradizioni.

Studiare lo sviluppo di un prodotto anche attraverso il ricordo, la storia, l’antropologia e la geografia – deve aver pensato Emanuela Perenzin alla guida di Perenzin Latteria – significa tramandare la cultura gastronomica e rispettarne il valore.

Nasce così il progetto Via della Seta, uno studio che lega assieme le caratteristiche uniche del microclima e del territorio veneto con i tesori gastronomici un tempo scambiati nelle vie della seta.

L’azienda artigianale di San Pietro di Feletto (TV) ci invita a un viaggio nel tempo nel quale riscoprire sapori e aromi attraverso materiali e tecniche del passato – il legno per la stagionatura, il fieno, il vino e l’olio uniti alle spezie preziose – che, oggi, ritroviamo nei formaggi della nuova linea Vie della Seta presentati in anteprima al Cibus nei giorni scorsi. Quattro interpretazioni di formaggio di capra che legano indissolubilmente i territori tra Veneto e Trentino al fascino delle vie carovaniere.

Ed è una fantasia di sapori e territori che si fondono, dal Caprino affinato al Traminer che unisce il latte di capra dei pascoli del Veneto con l’uva Traminer delle Dolomiti del Trentino Alto Adige al Caprino affinato in fieno, avvolto nel fieno biologico naturale dei prati del bellunese. E se lungo la via incontriamo il pepe nero del Vietnam da scambiare con l’olio extravergine di oliva? Nasce il Caprino affinato in pepe Tellicherry & olio extravergine d’oliva, forte e deciso, ma delicatamente speziato e piccante.  Infine il Caprino affinato in foglia di noce riprende l’antica tecnica di avvolgere il Caprino nelle foglie di noce per proteggere le forme di formaggio sia durante il loro lungo viaggio verso oriente sia durante la stagionatura.

Lungo la Via della Seta, Perenzin Latteria fa un omaggio alla storia, al prodotto e alla cultura. Rende onore a una tradizione casearia che da oltre cent’anni ci regala formaggi tradizionali, biologici e pluripremiati a livello internazionale e, con questo progetto ambizioso ma dovuto, (ri)apre la “via” a metodi di lavorazione che ripercorrono antiche atmosfere apprezzabili oggi come ieri, intrise del sapore del ricordo, della terra e del viaggio. Per imparare, gustare e tramandare.

www.perenzin.com

Marina Caccialanza

image_pdfimage_print
image_pdfimage_print
23 maggio 2018

I tesori della Via della Seta: un viaggio nel tempo attraverso i sapori

Latteria Perenzin ci invita a un viaggio nel tempo nel quale riscoprire sapori e aromi attraverso materiali e tecniche del passato
22 maggio 2018

Quante sono le specie di pomodori in Italia?

Il “ re dell’estate della dieta mediterranea ”è da sempre protagonista incontrastato della cucina italiana, frutto della terra che racconta sapori e profumi
17 maggio 2018

Fruit Brew e Cold Brew: Sirea innova il modo di bere al bar

Per mettere a punto questi nuovi prodotti è stata realizzata una macchina speciale, un’attrezzatura soprabanco di spillatura cold brew
16 maggio 2018
gilbach-gin

Gilbach: il gin di montagna di Alessandro Gilmozzi e Andreas Bachmann

Un gin multi-anima, con sfumature di montagna rotonde e anche pungenti. Di prugna, ciliegia, nocciola e con lievi sentori di limone.
2 maggio 2018

Surgital investe in formazione e novità di prodotto

Presso l’horeca l’azienda ha acquisito un posizionamento forte, fondato su credibilità e su un rapporto che è una vera partnership con gli chef
24 aprile 2018

La Bresaola della Valtellina IGP è Mood Food: un toccasana per l’umore

Per dare suggerimenti concreti al consumatore e ai ristoratori, è stata creata la web app “Bresaola Inedita”, dove si possono trovare spunti e ricette
23 aprile 2018

In giro per il Mediterraneo, nel fantastico mondo delle acciughe

Piccoli pesci azzurri, dalle notevoli proprietà nutrizionali, vivono in mare aperto, trascinati dalle correnti in banchi, pescati con il mare calmo
2 aprile 2018

Zarpellon: un’offerta casearia in continua evoluzione

Tutto ha avuto inizio nel 1935, quando Giuseppe Zarpellon decise di fondare una società commerciale di prodotti lattiero-caseari ai piedi delle Prealpi Venete. Le cose andarono […]
2 marzo 2018

Molino Spadoni: un’innovativa linea di pasta al teff

Da quando acquistò nel 1921 il Molino di Coccolia, in provincia di Ravenna, la famiglia Spadoni iniziò non solo ad accumulare una conoscenza sempre più approfondita […]
16 febbraio 2018

Alce Nero e Mila, alla scoperta (e riscoperta) del latte fieno

Non tutti lo sanno ma dal 2016 l’Unione Europea ha dato riconoscimento ufficiale alla denominazione Latte Fieno, Specialità Tradizionale Garantita (Stg) per il latte prodotto con […]
9 febbraio 2018

Sabadì: le tipologie di affinamento nel cioccolato di Modica

Quando usiamo il termine “affinamento” di solito pensiamo al vino e immaginiamo file di botti lungo le pareti di una cantina; oppure a certi formaggi, all’interno […]
7 febbraio 2018

Lettera aperta: l’asterisco, due o tre cose da sapere

Provare a spiegare le differenze tra congelato e surgelato è forse più utile che titolare “Cannavacciuolo nei guai” Nei giorni precedenti il Natale la “notizia” è […]
30 gennaio 2018

Julius Meinl: caffè viennese che passione!

Ogni seme ha una sua storia. Esordisce così Christina Meinl, quinta generazione della storica azienda viennese Julius Meinl, presentando al Sigep di Rimini il nuovo ed […]