Per Natale un viaggio culinario con la linea Grand Tour dell’eccellenza

Osteria della Corte a La Spezia
5 dicembre 2016
La Liste 2017, Guy Savoy al primo, Massimo Bottura al terzo posto
6 dicembre 2016
image_pdfimage_print

I cesti di Natale sono sempre stati un regalo gravoso: un’accozzaglia di prodotti dalla provenienza più o meno certa e dalla dubbia qualità, spesso la somma del valore dei singoli prodotti non giustificava il valore del cesto e del pensiero per un vero Buon Natale.
Da questi spunti Daniela Pasini, giovanissima marketing manager della storica azienda Salumi Pasini di Trezzano sul Naviglio ha voluto dare un taglio diverso al suo Natale: ecco come nasce la linea Grand Tour dell’eccellenza, non un unico brand ma l’insieme di elementi di ottima qualità per un cesto davvero ricco, per un regalo davvero unico. “Questa linea nasce dalla nostra passione per il buono e il bello, per esaltare quel savoir-vivre all’italiana che ci contraddistingue nel mondo attraverso eccellenze italiane che possano abbinarsi perfettamente ai nostri salumi”. Un vero e proprio Grand Tour come quello che, nel XVII secolo erano soliti percorrere i giovani aristocratici europei, per perfezionare la loro cultura con il sapere italiano: così dovrebbero fare gli odierni viaggiatori del gusto.
Un viaggio culinario attraverso le diverse regioni italiane, un tour dei sapori che, grazie all’approccio di esperti sommelier, sono stati studiati per esaltare il sapore dei diversi salumi scelti per essere accompagnati al meglio nei momenti di degustazione con gli amici. Scatola nera molto elegante, grafica in argento per sette studiate confezioni che vedono lo sposalizio tra i salumi e vini o birre.

Viaggio_nelle_Tradizioni

Eccoli i centrati abbinamenti: lardo e Rosso di Montalcino, bresaola di suino e Ribolla Gialla con un olio pugliese, salame con Marzemino, salame e Spianata Piccante con Cirò Classico Superiore, salamini picnic con una birra artigianale golden ale e il cotechino con lenticchie dall’Umbria e spumante. Tutti prodotti artigianali e rigorosamente italiani “per questo non abbiamo preso, al momento, in considerazione champagne o vini della Borgogna, volevamo che tutto fosse all’insegna dell’italianità e dell’eccellenza” racconta Daniela Pasini che, infatti, ha scelto lo chef Oldani per creare insieme la sua linea.

Tour_De_Milan

La ricerca sensoriale dello chef stellato più pop di sempre ha portato all’elaborazione di prodotti come DRISS il salame, GRASS il lardo e SCHISC la bresaola, tutti nomi che ricordano il dialetto milanese della provincia, da dove tutto ha preso origine. Ma andiamo a scoprire tutte le confezioni della linea Grand Tour dell’Eccellenza: si parte con il Tour d’Italia (Schisc – la Bresaola linea “Salumi Pasini ” by Davide Oldani, Ribolla Gialla ZUC di Volpe DOC Friuli Colli Orientali 2015 – Volpe Pasini, olio Extra Vergine di Oliva Frantoio Muraglia Essenza: Fruttato Medio); il Tour Toscano (Grass – il Lardo, Rosso di Montalcino DOC 2014 – San Polo); il Tour del Piemonte (salame Campagnolo linea Salumi Pasini “I Classici” e Barbera d’Asti DOCG 2015 – Antica Cantina di Calosso); Veneto e Dintorni (Driss – il Salame e Belvedere IGT Marzemino Nero 2013 – Ca’ Lustra); Lombardia in Tour (Cotechino linea Salumi Pasini “I Classici” e spumante Pinot Nero Brut Charmat DOC “Riserva degli Isimbardi” – Isimbarda e lenticchie – La Valletta Colfiorito); Tour de Milan (con salamini PicNic linea Salumi Pasini “I Classici” e birra artigianale bionda “La Veloce” Golden Ale – Birrificio Milano); Viaggio nelle Tradizioni (salame Campagnolo linea Salumi Pasini “I Classici”, spianatina calabrese piccante e Duca San Felice Cirò Rosso Superiore Riserva DOC 2012 – Librandi).

Camilla Rocca

image_pdfimage_print