Warda Garda, i migliori oli premiati

Ferrari Brut campione del mondo
6 settembre 2016
Ravioli ripieni con cime di rapa Spirito Contadino, burrata e alici di Cetara
6 settembre 2016
image_pdfimage_print

Dal 2 al 4 settembre, a Cavaion Veronese (VR) si è svolto WARDAGARDA: il festival dell’olio del Garda nel suo entroterra. Una manifestazione dedicata all’olio extravergine nelle sue declinazioni e nei suoi abbinamenti gastronomici organizzata, su iniziativa della locale Pro Loco e con la collaborazione del Consorzio Olio Garda DOP, proprio nel cuore della produzione del Garda DOP tra gli uliveti dell’entroterra gardesano. La manifestazione prende il nome da Warda, l’antico nome longobardo da cui deriva il toponimo Garda, che deve la sua origine alle fortificazioni di avvistamento con funzioni difensive sulle colline che circondano il lago, gli stessi rilievi su cui da secoli si coltiva l’olivo.
A margine della tavola rotonda “Olioturismo, forme e percorsi dei nuovi turisti” con esperti di marketing e turismo, si è svolta la consegna dei premi del concorso per l’Olio Garda DOP L’Oro del Garda e del concorso di potatura Giorgio Bargioni.
Gli extravergine Garda Dop della campagna olearia 2015 sono stati esaminati alla cieca da una giuria di assaggiatori professionisti. Nella categoria fruttato leggero primo classificato l’Olio Garda Bresciano DOP dell’Azienda Agricola Paolo Vezzola di San Felice del Benaco (Bs). Secondo l’olio Garda Bresciano DOP della Cooperativa Agricola San Felice del Benaco di San Felice del Benaco (Bs) e terzo l’olio Garda Orientale DOP dell’Azienda Franzini Sas di Cavaion Veronese. A seguire quarto posto per la Società Agricola Il Cavaliere con l’Olio Garda DOP Bresciano e quinto posto per l’Azienda Agricola Costadoro di Lonardi Valentino di Bardolino (Vr) con l’Olio Garda DOP Orientale. Nella categoria frutatto medio prima classificata l’Azienda Madonna delle Vittorie di Arco (Tn) con l’Olio Garda DOP Trentino e seconda l’Agraria Riva del Garda di Riva del Garda (Tn) sempre con l’Olio Garda DOP Trentino.
L’Oro del Garda – spiega Andrea Bertazzi, Presidente del Consorzio – quest’anno è stato affiancato dalla prima edizione del Concorso Giorgio Bargioni. Un concorso che mette al centro l’olivicoltura e l’importante lavoro che soci e produttori fanno in oliveto. Bargioni è stato un agronomo a cui l’olivicoltura gardesana è profondamente riconoscente per avere seguito i produttori in un periodo in cui ancora in pochi conoscevano quale sarebbe stato il futuro dell’olio gardesano. Possiamo dire che se esiste la DOP Garda è anche merito suo”.
Il campionato di potatura Giorgio Bargioni ha premiato Luigi Ghitti, di Sale Marasino (BS). Il secondo posto è andato a Domenico Fenaroli (Cortefranca, BS), mentre sul terzo gradino del podio sono saliti ex aequo Pietro Paggi (Scanzorosciate, BG) e Luca Rossato (Soiano del Lago, BS).
Info: www.wardagarda.it

Lucilla Meneghelli

image_pdfimage_print