22 marzo, Giornata Mondiale dell’acqua
22 marzo 2014
La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015
22 marzo 2014
image_pdfimage_print

Quando le direzioni della vita ti portano a scoprire strade inaspettate o viste mozzafiato che stavano proprio dietro l’angolo; o quando hai la fortuna di riuscire a leggere ciò che hai già attraverso un diverso punto di vista… primo, è un regalo e, secondo, hai voglia di condividerlo. Di portare gente a casa e dire “ecco, sapete che c’è, sono felice perché…”
È quello che ha fatto lo chef Nicola Batavia, padrone di casa del collaudato riferimento torinese Birichin che il 19 marzo ha inaugurato The Egg, il suo nuovo bistrot che riporta lo stesso indirizzo.
Nome che non è un caso: semplice come un uovo, che è nascita e rinascita, è scoperta, è entusiasmo, è luce ed è fortuna, quella che è racchiusa nei piatti diventati simbolo della cucina di Nicola, come l’Uovo caramellato nel carciofo, l’Uovo in camicia e le Uova al palet. Ed è vita, quella che il giorno della Festa del Papà lo chef vuole celebrare a 47 anni compiuti con questo nuovo doppio inizio, il bistrot e il primo figlio in arrivo.

Nicola Batavia con The Egg apre dunque le porte di casa, raccontando cosa gli piace fare insieme agli amici di sempre: il pane è preparato appositamente da Luca Scarcella del Forno dell’Angolo di Torino, la pizza gourmet realizzata con l’impasto di Renato Bosco, le uova sono di Sandro Cucina, il Kinara delle Fattorie Fiandino, il Pinguino di Pepino, la Soda di Tassoni, le birre artigianali degli Antagonisti di Melle.
Tutto il menu – costo medio 25 euro –  richiama l’amato Piemonte e le passioni dello chef, interpretate in piatti come Ricotta di bufala, gambero crudo, zenzero candito e sale rosa, Spaghettoni Felicetti con l’intero granchio, Caprese calda di provola, Alette di pollo timo e limone o il Gran hamburger vegano.
Ma Nicola vuole anche accogliere nuovi amici: e allora The Egg è anche luogo di incontro per aziende e produttori (non solo del settore food), luogo di riunione, di sperimentazione e di presentazione di prodotti che possono essere cucinati direttamente sotto gli occhi della propria clientela.
E, dulcis in fundo, coperto e caffè sono offerti dalla casa (e il parcheggio è gratuito – a Torino è un plus).

Per maggiori informazioni e per prenotazioni www.nicolabatavia.it.

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print