A Matera, con i piedi per terra, anzi, tra le stelle

La tavola ecofriendly
4 aprile 2013
Prima Summa e poi Vinitaly
4 aprile 2013
image_pdfimage_print

Guardate questa fotografia.
Poi chiudete gli occhi, e guardatela di nuovo. Ad occhi chiusi.
Immaginatevi a passeggiare per le vie strette, tra le case scavate nel tufo, incontrando orti e giardini pensili, anfratti rupestri, auliche facciate di palazzi rinascimentali e barocchi, chiese bizantine e masserie del XV secolo. Immaginate di assaporare il silenzio, osservando le case del centro storico che, al calar della sera, accendono un piccolo lume. Poi riaprite gli occhi e riguardate la fotografia.
È Matera, la Città dei Sassi, che vista dall’alto, all’imbrunire, somiglia a una costellazione. Paesaggio culturale unico al mondo, perfetto esempio di come uomo e natura siano stati capaci di intersecarsi nel nome del rispetto, insediamento urbano che ha attraversato i millenni, dalle grotte del Paleolitico ai villaggi del Neolitico, fino alla civiltà rupestre che comprende sistemi ingegnosi di camminamento, canalizzazione e cisterne di raccolta dell’acqua piovana, per arrivare alla civitas Svevo normanna con le sue fortificazioni e alle successive trasformazioni del XVII secolo.

Non può non emozionare questo piccolo scorcio d’Italia, e probabilmente è anche per questo che i Sassi di Matera sono stati il primo sito del meridione a diventare Patrimonio dell’Umanità Unesco e, ancora, ad essere candidato come capitale della cultura europea per il 2019.

Nell’attesa, prendete un aereo. L’aeroporto di Bari, al quale si arriva da ogni coordinata italiana in meno di un’ora di volo, dista altrettanto in auto o in navetta da Matera. Qui, grazie a efficaci interventi di restauro e di recupero architettonico, potrete scegliere tra hotel di charme, alberghi diffusi, bed and breakfast scavati nella roccia, ma anche ristorantini, agriturismi, laboratori di degustazione di prodotti locali.

Poi, passeggiate. Ed entrate dove vi sentite. Noi vi consigliamo la chiesa di San Pietro Barisano, oppure l’opera architettonica del Palombaro lungo, una maestosa cisterna che si dirama sotto la parte antica di Matera definita la cattedrale dell’acqua: profonda 15 metri e contenente circa 5.000 metri cubi di acqua, può essere percorsa a piedi in un’atmosfera misteriosa e silenziosa attraverso cunicoli, grotte e cisterne vicine. E, ancora, le quattro chiese che costituiscono il Convicinio di Sant’Antonio: Tempe Cadute, la chiesa di Sant’Eligio (anche detta dell’Annunziata), santo molto venerato nei secoli dalla società contadina in quanto protettore degli animali domestici, la cripta di San Donato, ricca di affreschi, fino a giungere alla cripta di Sant’Antonio, con tre navate absidate ove si possono ancora vedere i palmenti per la produzione del vino, in quanto in tempi recenti la chiesa fu abbandonata e riutilizzata come cantina.

Ma Matera è anche arte moderna: il Musma, museo della scultura contemporanea, è stato realizzato dalla Fondazione Zètema e ospita una vastissima collezione di opere dalla fine del 1800 ad oggi. Si trova a Palazzo Pomarici, definito il palazzo delle cento stanze: dalla corte principale si accede a sette grotte modellate nella roccia e attraverso la gradinata di pietra si giunge al salone delle feste e ai numerosi appartamenti del piano nobile. Negli spazi espositivi trovano posto 250 opere in bronzo, marmo, ferro, terracotta, gesso, legno, cartapesta, disegni ed incisioni.

Uscendo dalla città, da non perdere, in una delle gravine che solcano l’altopiano della Murgia, la Cripta del Peccato Originale: in una cavità rocciosa la mano del “Pittore dei Fiori di Matera” ha narrato scene dell’antico e del nuovo testamento in un ciclo affrescato risalente al IX sec. (visitabile su prenotazione).

Se vi abbiamo convinti, prenotare il vostro week end: l’Agenzia Viaggi Lionetti propone soluzioni personalizzate e complete in ogni dettaglio. Il nostro suggerimento si chiama “Tra arte e cultura” e comprende 2 pernottamenti con prima colazione in una caratteristica dimora nel cuore dei Sassi, 1 cena in un ristorante tipico, 1 escursione guidata di 3 ore nei Rioni Sassi attraverso gli itinerari più interessanti alla scoperta di angoli remoti e paesaggi mozzafiato. Quote a partire da 145 euro a persona in camera doppia.

Guardate la fotografia, e partite.

Agenzia Viaggi Lionetti
tel. +39 0835 334033
fax +39 0835 334565
info@sassiweb.it
www.sassiweb.it

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print