Cibus sempre più internazionale
22 aprile 2013
La solidarietà dei cuochi
23 aprile 2013
image_pdfimage_print

Il trabucco è l’ingegnoso sistema di pesca a vista che i pescatori del Gargano idearono nel XVII secolo, per pescare i cefali: un insieme di pali di legno di pino, abete e quercia e reti azionate con argani che vengono tirate a galla quando i ‘trabucchisti’ protesi sui pali avvistano il pesce.
La costa garganiga è caratterizzata da queste architetture ma il più famoso è quello di Mimì, Domenico Ottaviano: il primo della famiglia a costruire un trabucco per la pesca fu Giovanni Battista, nel 1927 e da allora le generazioni di pescatori hanno continuato la tradizione. È negli anni Settanta che entra in scena una donna, Lucia, la moglie di Mimì, la quale intuì che, probabilmente, un piccolo bar avrebbe dissetato i sempre più numerosi turisti che si intrattenevano a Punta San Nicola per osservare quel marchingegno. Il piccolo bar divenne presto un piccolo ristorante dove Lucia cucinava i pesci appena pescati, aggiungendo due piatti tradizionali, le melanzane ripiene e le orecchiette.

Gli anni sono passati, ma non è passato l’entusiasmo e lo spirito organizzativo degli Ottaviano: i figli di Mimì e Lucia, Mario e Carlo oggi sono in cucina  con le mogli, i nipoti Domenico e Vincenzo guardano al futuro a cominciare dalla rassegna Trabucco in jazz, che organizzano dal 2008 e che sposa due passioni, quella per la cucina e quella per la musica, in un’ottica imprenditoriale.

La tecnologie di forni e abbattitori, arrivata con gli anni, ha accompagnato un grande salto di qualità nelle proposte, anche se la frittura del pescato del trabucco resta un punto fermo. Mimì  continua a pescare per sé e per gli ospiti e a raccontare aneddoti e storie di vita davanti al camino; per mangiare bisogna andare al bancone del bar, leggere il menu e la lista dei vini, ordinare e andarsi a sedere.

La prenotazione è pressoché indispensabile in tutto il periodo di apertura, che va da marzo a ottobre: l’unico – e meritatissimo – giorno di chiusura è per la festa di Sant’Elia, il patrono di Peschici.

Il trabucco di famiglia è ancora tra i più attivi della riviera: e chi vuole vivere un’esperienza unica, può andare a pescare con l’equipaggio.

Ristorante Al Trabucco da Mimi
Loc. Punta San Nicola
Peschici (FG)
Tel. 0884 962556
www.altrabucco.it

Coperti: 40 e 100 esterni. Carte di credito: tutte. Ferie: dal 15 ottobre al 15 marzo. Chiuso: lunedì, mai nei mesi di giugno, luglio e agosto. Costo medio: 35 euro.

 

image_pdfimage_print