Hell’s Kitchen, quel diavolo di un Cracco per l’infernale edizione italiana
16 aprile 2014
Firma anche tu per l’educazione alimentare nelle scuole
16 aprile 2014
image_pdfimage_print

Davide Scabin riesce sempre a stupire. Questa volta non con un piatto concettuale, non con una dichiarazione graffiante, non con un menù emozionale pensato per le missioni extraterrestri dei cosmonauti, ma con l’imminente apertura di una semplice trattoria. Lo chef piemontese stellato, presente nella 50 Best Restaurant, patron del Combal Zero, aprirà entro pochi giorni a Ivrea il Blupum (mela blu, ovvero una parola del dialetto piemontese che sta ad indicare ciò che non esiste).
Il nuovo locale “rappresenta anche – dice Davide Scabin – uno step in più verso la democratizzazione del lusso dell’alta ristorazione”. Sarà un luogo informale dove poter gustare, con un menù del giorno, e una corposa scelta di vini, l’eccellente tradizione territoriale italiana, a prezzi contenuti, dai 18€ del pranzo, ai 35€ della cena.
Un locale che riporta ai tempi in cui Scabin non era ancora nell’empireo degli chef più premiati al mondo, ma aveva  un semplice locale con la sua famiglia, i primordi, ai quali sembra che non pochi grandi interpreti della cucina italiana stiano guardando con favore, in un ritorno richiesto dal momento che stiamo vivendo, una manifesta necessità, di riparlare di tradizione e amore per essa, che coinvolge chef e clienti. Una cavalcata nella cucina regionale italiana, attraverso piatti semplici e antichi, serviti in sala direttamente dalle pentole, il Tonno di coniglio con Salsa brusca astigiana, lo Scamone di vitella piemontese glassata al forno con salsa di acciughe, la Zuppetta di Triglie e vongole con panelle siciliane o il Babà al rhum, riletti in chiave contemporanea da Scabin, dalla sorella Barbara, da Giovanni Ghigo, storici compagni di viaggio dello chef piemontese, fin dai tempi del Combal di Almese, e del Combal zero di Rivoli, insieme a Milena Pozzi, Giuliano Monte e Alessandra Cignetti. Sopra al locale verrà predisposto un banco gastronomico dove prenderanno vita piccoli grandi eventi con colleghi di rango, ed è previsto fin dall’apertura un efficiente servizio take away. Nuova o antica formula ? Certamente un format che farà parlare e che lo chef ha già in mente di portare nel resto dell’Italia, con aperture a Roma e in Liguria. Inaugurazione del Blupum, prevista per il 23 aprile, in corso Botta 38 a Ivrea.

Luca Bonacini

image_pdfimage_print