Il nuovo Mercato Centrale di Firenze: un gastro-cult con scuola di cucina

image_pdfimage_print

L’istruzione scende in piazza, o meglio a mercato. Non parliamo di scioperi o manifestazioni studentesche, ma della nuova Scuola di Cucina Lorenzo de’ Medici che, a Firenze, è nata all’interno del Mercato Centrale, inaugurato il 23 aprile scorso. Unica nel suo genere, la scuola, ideata e realizzata dall’Istituto Lorenzo de’ Medici (da oltre quarant’anni nel quartiere di San Lorenzo), pone l’attenzione su quello che è e dovrà continuare ad essere un punto fermo: il contatto diretto con le materie prime del mercato cittadino, attraverso collaborazioni con le Botteghe del Gusto presenti al suo interno, e quindi con la città di Firenze.
La Scuola infatti, oltre che a realizzare percorsi didattici per gli allievi, accoglierà anche laboratori e corsi per fiorentini e non, italiani e stranieri che nel fine settimana avranno voglia di conoscere i segreti dei prodotti della cucina italiana: si farà la spesa insieme al mercato, si ascolteranno gli artigiani del cibo e poi si cucinerà insieme, grazie alle attrezzature di Arclinea, nelle sedici postazioni all’avanguardia. I corsi saranno di 4 ore in cui la prima parte sarà dedicata a una “passeggiata formativa” all’interno del Mercato Centrale Firenze, durante la quale verranno presentate le materie prime: saranno aperti al pubblico dal venerdì alla domenica nell’orario di apertura del Mercato, dalle 10 alle 24.

La Cucina è l’ultima nata all’Istituto Lorenzo de’ Medici, che nel 1973 apre le porte alla città di Firenze come una delle prime scuole specializzate nell’insegnamento dell’italiano a ospiti stranieri. Oggi, a distanza di 41 anni, offre circa 400 diversi corsi articolati in 33 aree tematiche: dall’insegnamento della lingua italiana alle scienze sociali, dalla storia dell’arte alle arti visive, dalla psicologia alle scienze politiche e il valore associato della proposta formativa arriva proprio dal palcoscenico in cui si articolano i corsi, a un parterre di studenti provenienti da oltre  90 paesi del mondo. La filosofia dei padroni di casa, Carla e Fabrizio Guarducci, è chiara: trasmettere un modo di essere, uno stile di vita che pone al centro il gusto per i rapporti umani per la convivialità e la comunicazione, tutte caratteristiche di una naturale indole che anima il nostro paese. In questa ottica, i corsi di cucina, afferma Carla Guarducci, “diventano uno dei migliori veicoli per chi arriva da un paese straniero per iniziare ad interagire e venire introdotto nel nuovo tessuto sociale”.

L’inaugurazione del Mercato è stata il 23 aprile: sorto centoquaranta anni fa sull’impronta delle Halles di Parigi, oggi fa vivere uno spazio di 2.700 mq oltre a 400 mq soppalcato e 300 mq di piazza centrale con circa 700 posti a sedere: un forum del gusto. Pare che Umberto Montano (gestore di Caffè Italiano e Alle Murate) e Claudio Cardini (gestore di Otel e Flò), gli autori del re-styling con la collaborazione di Aldo Settembrini, abbiamo investito qualcosa come cinque milioni di euro.
Il risultato? Oltre la scuola, un florilegio “gastro-cult” per tutti i gusti.

Il caseificio Antico Demanio di Angelo ed Emanuele Campomaggiore da Pignataro Maggiore (Caserta) propone la mozzarella di bufala campana; il bar gestito dal Caffè Italiano e da Flo offre i tramezzini realizzati da Fabrizio Bodini con lo staff di Amblé e i panini al lampredotto di Lorenzo Nigro; il gelato sarà firmato da Cristian Beduschi, il pane da David Bedu, le paste fresche da Raimondo Mendolia. Il Savigni di Pavana offre uova di gallina Livornese, salumi da maiali di Cinta senese, carne bovina da Chianina, Piemontese e Limousine; il pesce è fresco tutti i giorni grazie a Rosellini di Montecatini, frutta e verdura arrivano dall’Azienda agricola La Ruvica, nel Chianti, di Filippo Viana e Alessandra Camèra.
E da bere? Presente il Consorzio del Gallo Nero con 1200 etichette, il sommelier Luca Gardini apre un suo punto di degustazione, chi preferisce la birra può invece puntare sul Birrificio Moretti. Ma questo è solo un piccolo assaggio. Non resta che andarci di persona.

Scuola di cucina Lorenzo de’ Medici
Via Faenza 43
50123 Firenze
Tel. 055 287360
info@cucinaldm.com

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print