La buona storia della Valledoro

www.ristorazionecatering.it
Una margherita lunga come il Decumano, la pizza di Expo
8 giugno 2015
www.ristorazionecatering.it
La sicurezza del caffè non è in discussione
9 giugno 2015
image_pdfimage_print

La buona storia della Valledoro” è un libro che racconta la storia di una famiglia, e della passione per i prodotti del loro forno. Rina Consoli e Ferruccio Zubani hanno fondato la società nel 1954, trasformando la forneria di famiglia in un laboratorio artigianale per la produzione dei Bibì Bibò, panetti bitostati dal sapore dolce pensati per nutrire in modo sano e naturale i propri figli e che in poco tempo hanno saputo conquistare le famiglie bresciane.
Giorgio Zubani, amministratore delegato di Valledoro, durante la presentazione di questo volume, che di fatto consacra un importante traguardo, ha dichiarato “Il senso di questa pubblicazione è quello di lasciare traccia, fare memoria, in occasione dell’anniversario dei sessant’anni di attività. Un piccolo gesto per riflettere sul senso profondo della vita dei miei genitori, che hanno cercato di concretizzare nel proprio lavoro valori quali, la fede in Dio, l’onestà, la legalità, la responsabilità sociale ed il senso di giustizia”.
La presentazione del libro è stata l’occasione per incontrare cittadini e amici che hanno voluto condividere questi valori, trasferiti sul mercato nella qualità dei prodotti che, oltre ad essere buoni e sani, racchiudono valori apparentemente intangibili, ma che hanno accompagnato le scelte di vita nel lavoro quotidiano di molte persone.
Il libro ripercorre proprio questo, le tappe più importanti dalla nascita, la crescita, la caduta, la rinascita e l’evoluzione nel lavoro in 60 anni di una famiglia ed di un’azienda, con tutti i relativi passaggi generazionali.
Inoltre, nell’appendice sono ritratti infine i tratti salienti dell’azienda, che vanno dagli appuntamenti svolti in occasione del 60° anniversario di fondazione  avvenuti lo scorso anno, alla descrizione delle linee guida di conduzione aziendale, nonché al progetto “scuola in Valledoro” giunto, quest’anno,  alla 32° edizione e che consiste in un articolata proposta formativa rivolta alle scuole primarie e secondarie.

Lucilla Meneghelli

image_pdfimage_print