Cento chef e formaggi del territorio da Pentole Agnelli

www.ristorazionecatering.it
Due settimane per le donne ad Expo Milano 2015
30 giugno 2015
www.ristorazionecatering.it
Il Labirinto di FMR, oasi del gusto dei fratelli Spigaroli
1 luglio 2015
image_pdfimage_print

In occasione del quinto forum “Cucina italiana nel mondo”, al Centro di ricerca per i materiali e gli strumenti di cottura di Pentole Agnelli, nella sede di Lallio (Bg), si sono ritrovati ben 100 chef, membri del network Itchef – Gvci (Gruppo virtuale cuochi italiani) e attivi in oltre 70 Paesi, dove si fanno quotidianamente ambasciatori della migliore cucina della Penisola.
Per l’azienda lombarda si è trattato di un evento in cui poter mettere a disposizione dei professionisti il proprio Saps Agnelli Cooking lab, il laboratorio di ricerca per i materiali di cottura. Ma, d’altro canto, lo stesso territorio ha potuto trarre vantaggio dall’iniziativa, che si è rivelata un’interessante vetrina per i Formaggi principi delle Orobie e per il progetto “Forme. Bergamo capitale europea dei formaggi”, teso alla promozione dei gioielli caseari della provincia.
Grazie all’allestimento di un apposito angolo dei formaggi, proprio all’interno del museo storico di Pentole Agnelli, l’incontro ha dato i suoi frutti. A rimanere particolarmente colpito dai sapori del Formaggio tipico Branzi, del Bitto Storico, di Stracchini all’antica, Agrì, Formai de Mut e Strachitunt Val Taleggio, è stato, per esempio, Stefano Fontanesi, coroporate chef di Costa Crociera, che ha rivelato come già da tre anni Costa Neoromantica proponga ai suoi clienti Strachitunt. Ma a essere solleticati dalle possibilità gastronomiche offerte da questi prodotti sono stati anche Ali Esad Goksel, dalla Turchia, e Francesco Spampinato, che ha ricordato la difficoltà di reperire tali prelibatezze in Russia, mentre Samuele Rossi, chef a Shanghai, stregato da Bitto & C., al termine dell’aperitivo ha deciso di portarli direttamente nella sala ristorante per il gala con gli altri 99 chef. “Nell’anno in cui l’Expo porta a Milano le cucine di oltre 150 Paesi – ha ricordato Angelo Agnelli, numero uno di Pentole Agnelli – la Saps ha incontrato gli ambasciatori delle eccellenze culinarie italiane che ogni giorno dimostrano come la buona riuscita di un piatto sia la sintesi di materie prime di qualità, maestria ai fornelli e strumenti di cottura adeguati. Più di un incontro questo è stato uno scambio culturale tra eccellenze. Per noi sia un arricchimento che una sfida verso la realizzazione di strumenti di cottura ad hoc”.

Mariangela Molinari

 

image_pdfimage_print