I consumi degli italiani secondo INRAN

In aumento i diabetici in Italia
5 marzo 2012
Weeats: il nuovo social network per chi ama la cucina
5 marzo 2012
image_pdfimage_print

piramide-alimentareProsegue il grande lavoro di ricerca che INRAN, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, ha realizzato negli anni scorsi sulla base di un campione stratificato di 1300 famiglie. L’indagine viene condotta ad ogni decennio con criteri molto rigorosi.
Recentemente sono state messe online la seconda e la terza parte de “L’indagine nazionale sui consumi alimentari in Italia: INRAN-SCAI 2005-06”, dove si possono consultare, inoltre, dati relativi alle caratteristiche del campione, ai luoghi di consumo (casa e fuori casa), alle occasioni di consumo ed alla ripartizione energetica giornaliera dei pasti.
Abbiamo selezionato alcune curiosità per i nostri lettori:
Resta sempre il pranzo, il pasto più amato dagli italiani, che fornisce la maggior parte dell’energia giornaliera, circa il 43% circa, contro il 38% della cena l’11 % della colazione, l’8% degli spuntini. Inoltre, è ancora a casa il luogo abituale in cui si mangia.
Tra gli alimenti più consumati dagli italiani troviamo:
–    Acqua e bevande non alcoliche: a parte l’acqua (minerale 452 g/die e di rubinetto 196 g/die), è il caffè a fare la parte del leone (81 g/die), poi, a notevole distanza, il tè (27 g/die). Quindi, le bevande a base di cola (19 g/die), i succhi di frutta alla pera, pesca, mela e albicocche (16 g/die), infine i succhi di frutta di altri tipi (11 g/die).
–    Bevande alcoliche: il preferito è il vino rosso (50 g/die) seguito dalla birra (25 g/die) e dal vino bianco (14g/die).
–    Carne, insaccati e sostituti della carne: resta ancora saldamente in vetta la carne di bovino (43 g/die), seguita a distanza dalla carne di pollame (21 g/die) e dalla carne di suino (19 g/die, esclusi gli affettati).
–    Pesce e frutti di mare: il merluzzo (8 g/die) è risultato il più consumato, al secondo posto il tonno in scatola a parità con i crostacei (4 g/die), mentre al terzo si regista un pareggio tra calamaro e sogliola (3 g/die).
–    Derivati del latte: è la mozzarella di mucca a trionfare (23 g/die), seguita dagli yogurt alla frutta (10 g/die), da quello bianco (7 g/die) e dal parmigiano (7 g/die). Mozzarella di bufala e caciotte (e simili) rincorrono, ma con valori inferiori (rispettivamente 4 g/die e 3 g/die).
–    Cereali e prodotti da forno: il pane di frumento è sovrano incontrastato (94 g/die). Solo al secondo posto,a distanza, l’icona della cucina nazionale, la pasta di semola (50 g/die).
–    Frutta: è la mela il frutto per eccellenza sulle tavole degli italiani (59 g/die), seguito dall’arancia (30 g/die).
–    Verdura: escludendo i pomodori crudi e la conserva di pomodori (utilizzati anche come ingredienti di molte ricette standard) troviamo la lattuga (17 g/die) tallonata dalle zucchine (14 g/die) con subito dietro le carote (10g/die).

Per saperne di più: www.inran.it

image_pdfimage_print