I dati dell’industria alimentare tra luci e ombre

Buoni pasto finalmente Fipe contesta le storture
18 febbraio 2011
Apre Sapore il 19 febbraio con aziende dinamiche e innovative
19 febbraio 2011
industria-agroalimentare
image_pdfimage_print
industria-agroalimentareL’ultima indagine Ismea  condotta su un panel di 1200 imprese dell’industria agroalimentare evidenzia un clima di lieve positiva fiducia. Nel quarto trimestre 2010 pare abbia prevalso un clima congiunturalmente positivo (7 punti in più rispetto al 2009) soprattutto fra le imprese del comparto molitorio,  pasta, carni bianche, lattierocaseario e vino. Più inclini a leggere il mercato col segno meno  invece le aziende mangimistiche, della lavorazione delle carni rosse, degli oli e del pane. Segnali contrastanti  vengono poi evidenziati  se si leggono i dati fra periodi diversi, ossia il sentiment degli operatori sarebbe positivo se si confronta lo stesso periodo del 2010 col 2009 ma sarebbe negativo se si confronta il quarto trimestre 2010 col terzo dello stesso anno. Ciò’ denota un clima ancora incerto e purtroppo ancora poco rasserenante.
Tutto questo per dire cosa. Sostanzialmente che c’è ancora da soffrire. Non siamo ancora fuori dalla crisi, e il dato ci viene confermato dall’altra parte dello studio sempre di Ismea che riguarda il sentiment degli operatori della grande distribuzione alimentare.  Su circa 200 operatori intervistati prevale in essi un pesante giudizio negativo. C’è un sostanziale peggioramento delle vendite e un conseguente accumulo di giacenze a magazzino registrato proprio  a fine 2010.
Se il Paese non cresce, non si consuma  neanche a volerlo  e la nostra impressione  è che nemmeno la ristorazione stia meglio. Dati sul 2010 ancora non ce ne sono e nonostante tutta la buona volontà  il nostro “sentiment”  non può essere  molto diverso  da chi osserva i consumi  alimentari dallo scaffale.
Roberto Martinelli
image_pdfimage_print