È nato il Consorzio di tutela del riso del Delta del Po Igp

Mangia come Scrivi, la rassegna che unisce cucina, letteratura e arte.
3 gennaio 2013
Consorzio Doc Sicilia: statuto depositato, ora si attendono i numeri
3 gennaio 2013
image_pdfimage_print

Si è costituito qualche giorno fa, ad opera dei dodici soci fondatori, il “Consorzio di tutela del riso del Delta del Po”, a felice conclusione del lungo percorso per il riconoscimento dell’IGP avviato oltre dieci anni fa da un gruppo di aziende venete, a cui si affiancarono anche le principali aziende risicole ferraresi.
Eugenio Bolognesi, direttore generale dell’Sbtf (Bonifiche ferraresi Spa società agricola) nonché neo presidente del Consorzio ha dichiarato: “Le potenzialità produttive del consorzio sono notevoli, raggiungendo nel delta circa 10.000 ettari di risaia coltivati con una raccolta di oltre 50.000 tonnellate e la possibilità di un fatturato di ben oltre 20 milioni di euro, se si considera che un italiano medio consuma circa 4 chili di riso all’anno”.
Il Consorzio intende fin da subito organizzare una serie di iniziative per valorizzare il riso del Delta e promuovere un prodotto tipico apprezzato sia in Italia che all’estero: i soci fondatori aprono le porte a tutti gli agricoltori ed industriali che desiderano impegnarsi concretamente a questi scopi: “Il mercato chiede il nostro riso e noi dobbiamo essere pronti a fornirlo con la massima continuità e qualità. – continua Bolognesi – Il Consorzio di Tutela, oltre ad aggregare produttori agricoli, può associare anche confezionatori e imprese di lavorazione in modo da rappresentare tutta la filiera del prodotto”.
Soddisfatto della costituzione del Consorzio di tutela anche Alessandro Grandi, amministratore delegato di Grandiriso s.p.a., la più importante riseria ferrarese, terza riseria a livello nazionale: “La costituzione del Consorzio di Tutela è una garanzia importante per affrontare i mercati mondiali che hanno già apprezzato il nostro prodotto per la qualità e la sicurezza della provenienza”.
Un altro plauso positivo viene dal mondo agricolo, dove il presidente nazionale di Confagricoltura, il ferrarese Mario Guidi, storico risicoltore del Delta del Po, ha commentato: “ Ho creduto fin dagli albori in questo progetto. Ora bisogna lavorare sulla commercializzazione di questo prodotto e sulle nuove sfide che i mercati ci chiedono di vincere”.

Per informazioni: info@consorziorisodeltapoigp.it

 

image_pdfimage_print