Ecosostenibilità per le confezioni di sughi Gaia

Terza edizione per Italia Beer Festival
23 marzo 2011
Storie di lotta alla mafia nel libro di Francesca Forno
23 marzo 2011
sugo-pomodoro-mascarpone-gaia
image_pdfimage_print

sugo-pomodoro-mascarpone-gaiaMemorabili anche per l’involucro. Un claim, quello dei sughi pronti Gaia a base pomodoro, la linea dedicata al foodservice di Formec Biffi, che suscita curiosità.
Le caratteristiche organolettiche dei prodotti Gaia sono ormai conosciute nel mondo della ristorazione professionale e collettiva, frutto di un’esperienza pluriennale nelle lavorazioni a crudo: ricette tradizionali con pomodoro 100% italiano, con ingredientistica più ricca che prevede più olio e meno acqua, con processi di lavorazione che non abbattono il sapore bensì lo esaltano.
Mentre sul fronte dell’innovazione è proprio il contenitore, e il relativo packaging, a segnare un grosso passo avanti rispetto al mercato, in funzione di una maggior offerta di servizio.
Le quattro referenze di sughi pronti rossi della linea Gaia – napoletana, arrabbiata, puttanesca, pomodoro e mascarpone – sono state pensate per un target che vede pizzerie, pub e birrerie, ristorazione veloce e collettiva come punto di riferimento.
Questi prodotti sono proposti in un contenitore in PET interamente riciclabile, che andrà progressivamente a sostituire il vetro. Le confezioni, in questo modo, diventano sicure sotto ogni punto di vista: si evitano rischi di rottura, l’utilizzo di un monomateriale permette un riciclo completo, il peso degli imballaggi si riduce in maniera considerevole, con un risparmio elevato in termini di logistica e minori emissioni.
Le confezioni, nel formato da chilogrammo, hanno un’apertura più ampia per facilitarne l’utilizzo, il contenuto una shelf-life di 12 mesi. Il packaging sliverato riporta in etichetta informazioni comprensibili e chiare: no ogm, numero di porzioni per confezione (tra le 20 e le 22, quasi doppie rispetto ad altre analoghe ricettazioni).
I sughi, preparati secondo un procedimento sottoposto a rigidi controlli in azienda, non contengono glutine e sono quindi indicati anche per i celiaci: Un segno di attenzione e sensibilità da parte di un’azienda che ha fatto dell’impegno sociale e culturale un elemento distintivo.

Per saperne di più: www.formecbiffi.com

[nggallery id=7]
image_pdfimage_print