Fotografia impietosa della pulizia nei locali di ristorazione

Intesa tra Federalberghi e Italia Lavoro
11 maggio 2011
Atri punti codice del Turismo
11 maggio 2011
image_pdfimage_print

pulizia-locali-ristorazioneLa pulizia nei locali di ristorazione italiani? Piuttosto negativa a giudicare dai risultati di un’analisi commissionata da Afidamp Servizi, braccio operativo e commerciale di AfidampFAB, l’associazione nazionale di categoria che riunisce e rappresenta 127 aziende produttrici operanti nel settore del cleaning professionale. I dati, raccolti su un vasto campione di residenti in 20 città d’Italia, mette sotto accusa la ristorazione veloce, in particolare quella nelle aree di sosta autostradali frequentati dall’81,8% degli italiani e i locali etnici. A fornire una pessima fotografia del settore sono soprattutto i servizi igienici, giudicati sporchi e privi di dotazioni di base come carta igienica e sapone, carenza di cestini per i rifiuti, sudiciume sui pavimenti, ma anche la freschezza degli alimenti, valutata scarsa e la professionalità del personale.
Un po’ meglio le mense prese in considerazione solo dal 37,1% del campione il cui grado di pulizia è giudicato appena sufficiente dal 14,2%.
Ad infastidire i clienti è la scarsa presenza di cestini (100%), la sporcizia dei tavoli e dei posti a sedere (64,8%), l’eccessivo carico dei cestini di rifiuti (35,2%), l’assenza delle dotazioni di base come carta igienica e sapone nei servizi igienici (35,2%), il sudiciume sui pavimenti (28,1%).
I self – service sono poco frequentati dalla maggioranza degli intervistati che dichiara di sceglierli solo nel 19,6%. Qui il grado di soddisfazione è in maggioranza molto buono (44,5%) e scarso nel 19,7% dei casi.
Meglio bar e pizzerie al taglio, dove il livello di soddisfazione nel complesso è positivo: il 36,2% degli intervistati valuta con un 6, il 29,6% valuta con un 8, il 28,6% valuta con un 7 mentre il 5,6% valuta con un 9.

L’indagine offre anche un interessante osservatorio della tipologia dei locali più gettonati:

• al primo posto le pizzerie al taglio 72,8%
• i bar che servono panini e toast 30,9%
• le piadinerie    27,4%
• i bar che offrono primi piatti 18,4%

I locali meno puliti per gli intervistati

• locali etnici, in particolare quelli magrebini 31,7%
• ristoranti cinesi     18,8%
• ristoranti messicani     17,8%
• mense pubbliche     15,6%
• punti ristoro nelle aree di sosta autostradali 14,8%
• mense private      12,4%
• pizzerie al taglio     6,3%
• self – service      6,2%
• bar che offrono pasti veloci    5,4%
• piadinerie      5,1%

Le problematiche maggiormente segnalate

• il sudiciume sui pavimenti    53,6%
• i cestini esondanti di rifiuti   52,4%
• la scarsa freschezza degli alimenti   23,5%
• la scarsa affidabilità del personale (non garantita corretta igienizzazione)    22,8%
• la situazione analizzata nel suo complesso  24%

image_pdfimage_print