“Guida chic” esce la seconda edizione

Zampone e cotechino IGP sempre meglio nei consumi
20 marzo 2011
Poli lancia il portale della grappa
21 marzo 2011
image_pdfimage_print
copertina-guida-chicSono in sessantaquattro. Ristoratori che uniscono esperienze e innovazione, con una distribuzione capillare su tutto il territorio italiano. Si può riassumere così la seconda edizione della Guida Chic, che presenta i ristoranti aderenti all’associazione Charming Italian Chef, presieduta da Flavio Costa e diretta da Raffaele Geminiani.
La presentazione della guida è stata anche l’occasione per conoscere le attività che vedono protagonisti i cuochi/ristoratori Chic, sia come gruppo che come singoli.
Chic vuole essere portatrice di una serie di valori importanti quali, ad esempio, quelli legati alla sostenibilità di produzione e consumo: dopo l’esperienza di Biolife Bolzano lo scorso dicembre, è stata definita la collaborazione con la nuova manifestazione BTOBIO, in concomitanza con TUTTOFOOD, presso la Fiera di Milano il prossimo mese di maggio. Gli chef realizzeranno attività dimostrative rivolte agli operatori professionali e contemporaneamente gestiranno un Ristorante Bio Gourmet all’interno del padiglione.
Cucina di qualità vuole dire anche ricchezza culturale. Su questo principio si è sviluppata la collaborazione tra Chic e il Consorzio di Tutela del Grana Padano, per sostenere un percorso di formazione presso gli Istituti Professionali Italiani. Alcuni membri dell’associazione sono chiamati a comporre la giuria del Concorso “Diventa una stella con Grana Padano” e ad aprire una finestra sul mondo del lavoro, ospitando in uno stage di cucina i 10 studenti finalisti.
Nel corso dell’anno, poi, partirà la fase operativa del progetto “Cucina della Salute” avviato lo scorso novembre con il convegno “La Prevenzione delle malattie vascolari…al ristorante”. Grazie al testimone raccolto da uno degli sponsor dell’associazione, i cuochi Chic realizzeranno e metteranno in carta dei piatti legati al tema del benessere=gusto, che troveranno riscontro nella produzione da parte di Villeroy & Boch di una collezione speciale, personalizzata, chiamata per l’occasione i “Piatti del Cuore”.
Cucina di qualità significa anche avere la capacità di coinvolgere ed incuriosire un numero sempre maggiore di consumatori. Dopo il sorprendente successo riscontrato nel 2010, tornano anche le Serate Chic aperte al pubblico degli appassionati gourmet (saranno 12 appuntamenti in tutta la penisola da maggio ad ottobre). Quest’anno il tema dei festeggiamenti dell’Unità d’Italia è il motivo delle serate, visto che in ogni cena è prevista la presenza ai fornelli di cuochi provenienti da varie regioni del Paese, ognuno dei quali propone un piatto tipico del proprio territorio. Così si rappresenta attraverso il cibo, un patrimonio comune come quello della cucina italiana.
Un particolare momento di confronto sarà offerto ai soci in occasione del  1° congresso Chic a Milano nei giorni 8 e 9 maggio, occasione in cui saranno annunciate anche nuove iniziative.
Per saperne di più: www.charmingitalianchef.com

Sono in sessantaquattro. Ristoratori che uniscono esperienze e innovazione, con una distribuzione capillare su tutto il territorio italiano. Si può riassumere così la seconda edizione della Guida Chic, che presenta i ristoranti aderenti all’associazione Charming Italian Chef, presieduta da Flavio Costa e diretta da Raffaele Geminiani. La presentazione della guida è stata anche l’occasione per conoscere le attività che vedono protagonisti i cuochi/ristoratori Chic, sia come gruppo che come singoli. Chic vuole essere portatrice di una serie di valori importanti quali, ad esempio, quelli legati alla sostenibilità di produzione e consumo: dopo l’esperienza di Biolife Bolzano lo scorso dicembre, è stata definita la collaborazione con la nuova manifestazione BTOBIO, in concomitanza con TUTTOFOOD, presso la Fiera di Milano il prossimo mese di maggio. Gli chef realizzeranno attività dimostrative rivolte agli operatori professionali e contemporaneamente gestiranno un Ristorante Bio Gourmet all’interno del padiglione.Cucina di qualità vuole dire anche ricchezza culturale. Su questo principio si è sviluppata la collaborazione tra Chic e il Consorzio di Tutela del Grana Padano, per sostenere un percorso di formazione presso gli Istituti Professionali Italiani. Alcuni membri dell’associazione sono chiamati a comporre la giuria del Concorso “Diventa una stella con Grana Padano” e ad aprire una finestra sul mondo del lavoro, ospitando in uno stage di cucina i 10 studenti finalisti.Nel corso dell’anno, poi, partirà la fase operativa del progetto “Cucina della Salute” avviato lo scorso novembre con il convegno “La Prevenzione delle malattie vascolari…al ristorante”. Grazie al testimone raccolto da uno degli sponsor dell’associazione, i cuochi Chic realizzeranno e metteranno in carta dei piatti legati al tema del benessere=gusto, che troveranno riscontro nella produzione da parte di Villeroy & Boch di una collezione speciale, personalizzata, chiamata per l’occasione i “Piatti del Cuore”.Cucina di qualità significa anche avere la capacità di coinvolgere ed incuriosire un numero sempre maggiore di consumatori. Dopo il sorprendente successo riscontrato nel 2010, tornano anche le Serate Chic aperte al pubblico degli appassionati gourmet (saranno 12 appuntamenti in tutta la penisola da maggio ad ottobre). Quest’anno il tema dei festeggiamenti dell’Unità d’Italia è il motivo delle serate, visto che in ogni cena è prevista la presenza ai fornelli di cuochi provenienti da varie regioni del Paese, ognuno dei quali propone un piatto tipico del proprio territorio. Così si rappresenta attraverso il cibo, un patrimonio comune come quello della cucina italiana.Un particolare momento di confronto sarà offerto ai soci in occasione del  1° congresso Chic a Milano nei giorni 8 e 9 maggio, occasione in cui saranno annunciate anche nuove iniziative.

Per saperne di più: www.charmingitalianchef.com

image_pdfimage_print