La filiera della carne secondo VanDrie e UIR

Summer Drink&Eat Festival, la sfida dei barman
10 giugno 2015
www.ristorazionecatering.it
L’illegalità del cibo vale 4,3 miliardi di euro
10 giugno 2015
www.ristorazionecatering.it
image_pdfimage_print

VanDrie Group, il colosso olandese della carne di vitello, rafforza la sua presenza sul mercato italiano e annuncia la partnership con UIR, l’Unione Italiana Ristoratori.
Con una campagna di comunicazione incentrata sul vitello come prodotto storico nella cultura alimentare italiana, VanDrie conferma l’Italia quale mercato di riferimento, il 35% della sua quota export, e considera l’accordo commerciale con UIR uno step importante per l’interpretazione creativa che i cuochi dell’unione sapranno dare alla carne di vitello secondo le abitudini e gli stili di vita moderni.
Con 2 miliardi di euro l’anno di fatturato, 1,5 milioni di capi di bestiame macellati e un network di 25 aziende in Europa, VaDrie è la principale azienda integrata di  carne di vitello al mondo ed esporta il 95% della sua produzione in 60 nazioni. Da impresa familiare, nata in Olanda negli anni sessanta, a colosso multinazionale, ha saputo imporsi grazie al totale controllo di filiera che assicura la qualità e la sicurezza delle sue carni. I vitelli macellati ogni anno, sotto il controllo del Safety Guard, si fregiano del marchio Controlled Quality Veal e provengono da oltre 1.600 allevamenti. Il gruppo è attivo in diversi segmenti del comparto, dall’allevamento alle materie prime del latte, mangimi e pelli. Questo completo coinvolgimento dell’azienda nell’intero processo di filiera consente di garantire una produzione e una distribuzione di primissimo livello.
Una padronanza della filiera e del mercato che derivano dai principi fondamentali di rispetto per l’uomo, l’animale e l’ambiente che stanno alla base dell’attività, insieme all’integrazione, che significa massima responsabilità del prodotto finale in capo a tutte le aziende del gruppo.
Gli animali vengono allevati in gruppo per favorire la socializzazione, in stalle ben dotate e con un utilizzo di antibiotici strettamente limitato; il costante lavoro di ricerca e sviluppo ha permesso di introdurre nuovi concetti di benessere animale che contribuiscono all’ottima qualità delle carni; sicurezza e trasparenza sono assicurati dalla tracciabilità tramite QR code e garantite dalle numerose certificazioni tra cui le IFS e BRC.
I vitelli sono allevati secondo razza e provenienza, la qualità viene accertata nella forma, nel peso e nel colore della carne: i prodotti forniti al cliente in base alle esigenze. Questo consente a VanDrie di fornire un servizio personalizzato rafforzato dalla logistica efficiente ovunque nel mondo: il cliente riceve la carne entro poche ore o pochi giorni dall’ordine, e ogni confezione viene dotata di numero di identificazione  dell’animale di provenienza. Insomma una carne “su misura” che è uno dei tratti distintivi dell’alto livello qualitativo del gruppo.
Tenera, facilmente digeribile, povera di colesterolo e ricca di vitamine e minerali, la carne di vitello VanDrie Group, col suo sapore inconfondibile, rappresenta per la ristorazione una materia prima valida e affidabile, altamente performante e molto apprezzata.

Marina Caccialanza

image_pdfimage_print