Noce, frutto della prevenzione, impariamo a curarci a tavola

image_pdfimage_print

Siamo ciò che mangiamo, un’affermazione che sentiamo spesso, ma che vale ancor di più se si pensa alla salute. Nel corso degli ultimi cinquant’anni la vita media dell’uomo si è allungata come non mai nei secoli precedenti, un risultato del progresso, della medicina, un risultato che può ancora migliorare, specie sotto il profilo della qualità della vita stessa se facciamo attenzione a ciò che mangiamo. Il messaggio arriva forte e chiaro da una delle fonti più autorevoli la Fondazione Veronesi che nella lotta ai Tumori ha un’esperienza unica e che celebra i 10 anni di vita presentando, tra l’altro, il progetto “Le noci della prevenzione”.

Nel corso di una presentazione a Milano, presso InKitchen Loft, Marco Bianchi, divulgatore scientifico della Fondazione, ha illustrato il potere terapeutico di questo frutto, utile ad abbassare il colesterolo e a ridurre il rischio di tumori.

Basterebbero 3 o 4 noci al giorno per salvaguardare un po’ di più la propria salute. Invece il potere nutrizionale e terapeutico di questo frutto è ancora sottovalutato. Recenti studi scientifici lo riscattano e prospettano l’ipotesi che, oltre ad un alto potere anti-colesterolo, le noci sarebbero anche in grado di allontanare la formazione, e dunque l’aggressione di cellule tumorali, grazie alla combinazione di particolari nutrienti in esse contenuti. Merito della presenza di fitosteroli, flavonoidi, vitamina E ed omega3, un gruppo di sostanze ‘bioattive’, che introdotte nell’organismo con la dieta fungono da freno per l’ossidazione cellulare rallentandone il processo di invecchiamento, responsabile anch’esso dell’insorgenza di malattia.

Per sensibilizzare ad una migliore conoscenza di questo frutto, Fondazione Veronesi con la partnership di Mocerino Frutta Secca, leader nella produzione di noci nel territorio sorrentino e campano, ha istituito una serie di iniziative dedicate alla popolazione dove si potranno scoprire tutte le proprietà nutrizionali e culinarie della noce e l’impegno di Fondazione Veronesi in campo di prevenzione. Sarà possibile acquistare ‘le noci della prevenzione’ nei punti vendita della GDO collocati sul territorio nazionale, presso i supermercati Carrefour, quelli di Ce Di Gros, Eurospin Monteprandone, Eurospin Lazio e Qui Discount SpA. Un sacchettino di noci con il duplice obiettivo di fare bene alla propria salute – mangiare noci aiuta a combattere il colesterolo, il rischio cardiovascolare e oncologico – ma anche la ricerca devolvendo i proventi a borse di studio sulla nutrigenomica.

La serata ha avuto un’applicazione pratica con Marco Bianchi che accompagnava ai fornelli giornalisti e blogger nella preparazione di alcune sfiziose ricette a base di noci.

 

Aldo Palaoro

image_pdfimage_print