Premiati i Reporter del Gusto 2012

Workshop SCAE a TriestEspresso Expo
8 ottobre 2012
Gli Hotel più dolci del mondo
8 ottobre 2012
image_pdfimage_print

premiati-reporter-gusto-2012A Milano si è svolta la cerimonia di premiazione della settima edizione di Reporter del Gusto, il premio giornalistico promosso dall’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani (IVSI), con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
Il premio è stato assegnato a dieci giornalisti (di stampa, web, radio e TV) che hanno scritto e parlato dei nuovi valori nutrizionali dei salumi, emersi da una indagine dell’Istituto Nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione (ora CRA).

In ordine alfabetico ecco i nomi dei Reporter del Gusto 2012: Samantha Biale (Salute! Tv Sorrisi e canzoni); Giorgio Donegani (Starbene); Evelina Flachi (Rai Uno, La Prova del Cuoco); Angelo Frigerio (Salumi e Consumi); Maria Luisa Fumagalli (Corriere della Sera); Nicoletta Moncalero (Viversani e belli); Elio Muti (Dimagrire); Marco Palma (TG5); Barbara Sala – Max Viggiani (RTL 102.5).

“Questa settima edizione del Premio è particolarmente importante perché mette in evidenza il ruolo fondamentale del mondo scientifico e dell’informazione. E’ grazie al prezioso lavoro dei giornalisti, dei nutrizionisti, dei dietologi, se siamo riusciti a rendere noti ad un vasto pubblico i nuovi valori nutrizionali dei salumi, frutto dell’impegno dei produttori e della loro crescente attenzione alla salute. – ha dichiarato il Presidente di IVSI, Francesco Pizzagalli – Storicamente possiamo definirci un settore molto attento alla cultura tradizionale da cui veniamo, come testimoniano i numerosi riconoscimento DOP e IGP. Al tempo stesso però, siamo stati in grado di cogliere le sfide tecnologiche e i margini di miglioramento, aumentando la qualità, la sicurezza dei nostri prodotti e adeguandoci alle esigenze degli stili di vita moderni. La diminuzione del sale, dei grassi e la drastica riduzione dei conservanti, certificano il valore aggiunto che la nostra realtà produttiva è in grado di dare alla grande tradizione del made in Italy alimentare”.

A intrattenere l’evento, il Quartetto Archimia, una formazione di soli archi, nata dall’idea di quattro musicisti provenienti dai conservatori di Milano e Piacenza, che per la serata ha messo in musica alcuni dei salumi più noti, una performance unica che ha ‘trasformato in note’ il carattere di ogni salume.

image_pdfimage_print