Tra i SAPORI ITALIANI, quelli delle “Gelaterie del Territorio”

Spreco del cibo = spreco dell’intelligenza
11 ottobre 2013
Agriturismo italiano: missione Cina
12 ottobre 2013
image_pdfimage_print

Quando nel settore enogastronomico si utilizzano termini come “tipicità”, “territorio”, “autoctono”, siamo portati automaticamente a considerare le espressioni della gastronomia locale, le ricette derivate dall’utilizzo dei prodotti di quella tale zona e reperibili in quella data stagione e le referenze vinicole rappresentanti il carattere di quella specifica area di vigneti.

Eppure i prodotti che caratterizzano un territorio sono sempre più impiegati anche nel mondo del gelato, grazie all’incontro felice tra due realtà: l’alta professionalità dei maestri gelatieri e il riconoscimento da parte del Parlamento Europeo di una specifica dignità al gelato artigianale, tanto da istituirne ufficialmente una Giornata Europea ad esso dedicata, in quanto “tra i prodotti lattiero-caseari freschi il gelato artigianale rappresenta un’eccellenza in termini di qualità e sicurezza alimentare, che valorizza i prodotti agro-alimentari di ogni singolo Stato membro”.

Sulla linea di queste considerazioni nasce il progetto “le Gelaterie del Territorio”, che sarà presentato domani in occasione della manifestazione SAPORI ITALIANI dal 12 al 14 ottobre presso la Fiera di Longarone: l’occasione anticipa il MIG- Mostra Internazionale del Gelato Artigianale (Longarone 2-5 dicembre 2013) e, sottolinea il vicepresidente di Longarone Fiere, Fausto Bortolot “il progetto è un’iniziativa di promozione per il gelato artigianale in linea con l’esigenza, più volte espressa sia dai consumatori che dagli stessi gelatieri, di porre alcuni di quei paletti di distinzione e qualificazione tra gelateria e gelateria, spesso invocati ma di difficile attuazione sotto il profilo meramente normativo”.

E per testare empiricamente che prodotto locale e gelato non solo stanno bene insieme ma l’uno esalta l’altro, e ci guadagnano pure l’estro e la creatività del gelatiere, presso SAPORI ITALIANI saranno proposti una quindicina di gusti, tutti artigianali: qualche esempio? Il gelato con il vino Prosecco, con la noce, con i fichi, con l’uva fragola, il pino mugo, il miele, e ancora con i lamponi, l’olio extravergine di oliva, le castagne, il parmigiano, le mele e naturalmente il latte, ingrediente basilare in gelateria, che praticamente ogni territorio è in grado di offrire con proprie caratteristiche e parametri di freschezza, qualità e territorialità.

Domani stesso il brindisi inaugurale sarà a base di gelato al Prosecco DOCG di Valdobbiadere, mentre domenica alle ore 11 si terrà la conferenza stampa di presentazione ufficiale del progetto e nel pomeriggio, alle ore 15, saranno proposte le esperienze dei gelatieri che hanno ideato e promosso il gusto “Fichissimo”, realizzato con il Figo moro di Caneva e noci, gusto vincitore del concorso “Gusto dell’anno 2013” alla MIG.

Lunedì 14 ottobre, alle ore 11, in una tavola rotonda alcuni gelatieri racconteranno le loro esperienze e i risultati conseguiti attraverso la proposta, nella loro bottega, di gusti legati alle eccellenze del territorio. Tutti i gelatieri interessati sono invitati alla tavola rotonda: chi desidera intervenire per raccontare la propria esperienza può comunicarlo al 348 8045673 oppure inviando una mail a mostradelgelato@longaronefiere.it.

 

 

image_pdfimage_print