Un vino per le Locande Tirolesi

Il sapore internazionale del Soave Versus 2012
30 agosto 2012
Culatello and Jazz
31 agosto 2012
image_pdfimage_print

vernazerI piaceri della cucina tipica regionale, un’ospitalità schietta e una spiccata sensibilità per la tradizione: sono questi i punti chiave del marchio “locanda sudtirolese” istituito dall’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti.

Le 25 locande di tradizione sparse in tutta la provincia danno un prezioso contributo alla tutela e alla valorizzazione di una cultura dell’ospitalità che affonda le radici nella storia: con l`uso responsabile di antichi manufatti e l’impiego dei prodotti dell’agricoltura locale.

Nei 25 ristoranti aderenti al gruppo delle “Locande sudtirolesi” viene ora servito un vino speciale, il “Vernazer”. A realizzarlo ha provveduto l’associazione “Tirolensis Ars Vini”, un’associazione che riunisce otto viticultori dell’Alto Adige, creando una cuvèe unica di diversi vini schiava “che si contraddistingue – dice Josephus Mayr, presidente di Tirolensis Ars Vini – per il suo bouquet floreale e fruttato e il carattere intenso, leggermente secco.

Per i 25 esercizi sono state imbottigliate 3000 bottiglie ed è stata sviluppata un’apposita etichetta, come annunciato dall’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti (HGV).
“Nelle nostre locande i vini altoatesini svolgono un ruolo importante e noi ci teniamo particolarmente a viziare i nostri ospiti con vini locali di pregiata qualità“, sottolinea Florian Patauner, presidente del gruppo Locanda sudtirolese.

image_pdfimage_print