Best Vegetable Restaurants, l’Italia nella top list
22 Settembre 2020
Ristoranti luoghi sicuri, perché dubitare?
23 Settembre 2020

Fish&Chef 2020: dal Lago di Garda a Milano

Fish&Chef, la kermesse nata per valorizzare il pesce di lago e svoltasi per dieci anni, un’edizione dopo l’altra, sul Benaco, lascia il Lago di Garda e approda a Milano, per parlare a un pubblico più ampio e consolidare il proprio ruolo culturale nella promozione di un territorio e delle sue eccellenze. I prossimi 28 e 29 settembre e 5 e 6 ottobre, infatti, Identità Golose Milano, primo hub internazionale della gastronomia, ospiterà quattro Cene d’Autore firmate Fish&Chef. Otto chef e due pastry chef del Dream Team gardesano racconteranno con i propri piatti il paesaggio enogastronomico lacustre, utilizzando con creatività gli ingredienti locali e proponendo in menu anche due piatti inediti, pensati in esclusiva per l’occasione. Si partirà lunedì 28 settembre con Leandro Luppi, ideatore di Fish&Chef nonché una stella Michelin con la sua Vecchia Malcesine, e Massimo Fezzardi, una stella Michelin con l’Esplanade di Desenzano del Garda. Ecco il loro menu a quattro mani: antipasto a cura di Leandro Luppi “Pesce gatto, spezie e melograno”, a cui seguirà “L’omaggio a Marchesi”, primo piatto di Massimo Fezzardi (Spaghetto al nero, caviale e olio evo del Garda); quindi due secondi piatti: “Lingua di vitello, ricotta di bufala, salmerino e pesto di crescione” (Fezzardi) e “Manzo, Gin Tonic, lampone” (Luppi); finale dolce con la leggendaria “Torta delle Rose” del siciliano, ma bresciano d’adozione, Carmelo di Novo, la cui pasticceria di famiglia è da anni un punto di riferimento per chi frequenta le sponde del Garda.Martedì 29 settembre sarà la volta di Stefano Baiocco, due stelle Michelin a Villa Feltrinelli di Gargnano, e Andrea Costantini che, per anni braccio destro di Bruno Barbieri, ha trovato la sua dimensione al Regio Patio, dell’Hotel Regina Adelaide di Garda.Aprirà le danze come antipasto la “Trota salmonata in cover, prataioli, nocciola e burro d’erbe” di Costantini, seguita dai suoi “Tortelli di latte, coregone e ibisco” come primo. Stefano Baiocco, invece, firmerà i due secondi di pesce e carne: “Salmerino leggermente fiammeggiato, bouillabaisse con zafferano di Tremosine” e “Faraona, salsa speziata al lime e lattuga grigliata”. Il dessert sarà curato sempre da Carmelo di Novo.Lunedì 5 ottobre vedrà come protagonisti Peter Brunel, riapprodato dal luglio dello scorso anno sulle rive del Garda con il ristorante Peter Brunel, e Giuliana Germiniasi, una stella Michelin con il suo Capriccio a Manerba del Garda, che aprirà la serata con un classico: “Tartelletta di polenta, carpione mantecato, gel di aceto affumicato e caviale”. Sarà un omaggio alla tradizione anche il primo di Peter Brunel: “Pasta fagioli alla trentina”, cui seguiranno “Zuppetta di pesci di lago, croccante con loro tartare e caviale” (Germiniasi) e “Agnello infuso alle erbe, tartufo del Baldo, chorizo, carote alla grappa fumo e broccolo di Torbole”. Tocco femminile anche per il dessert, con il “Dolce limone del Garda” di Annalisa Borella, attualmente consulente di pasticceria.L’ultima serata, martedì 6 ottobre, sarà affidata a Maurizio Bufi, una stella Michelin a Villa Giulia di Gargnano, e Matteo Felter del Fagiano del Grand Hotel Fasano di Gardone Riviera, affiancati da Annalisa Borella. Il menu è presto detto: antipasto con “Il porro biologico” di Matteo Felter, quindi “Fusilli, trota, miele e mandorla” di Maurizio Bufi, “Pancia di vitello brasata tutto italiano” firmata da Felter e “Coregone, il suo caviale, agrumi e tuberi” di Maurizio Bufi. “In questi dieci anni – commenta Elvira Trimeloni, imprenditrice nel settore alberghiero e ideatrice della manifestazione insieme a Leandro Luppi – Fish&Chef ha contribuito a creare un dialogo continuo tra i suoi protagonisti, il Lago e le sue ricchezze, e i produttori, gli albergatori e i ristoratori, favorendo un percorso di crescita ed evoluzione sia sul piano gastronomico, sia sul piano culturale. Gli chef gardesani, accomunati da rispetto e amore per il proprio territorio, hanno potuto vivere l’appuntamento annuale di Fish&Chef come una sorta di laboratorio creativo, dove avere la possibilità di crescere, confrontarsi, riscoprirsi e produrre bellezza”.Main Partner di Fish&Chef si conferma l’azienda vinicola Cà Maiol, punto di riferimento dell’enologia gardesana. Il testimone per gli abbinamenti passerà poi ad altre due icone afferenti al mosaico enologico di Santa Margherita Gruppo Vinicolo: Kettmeir e Cantina Mesa.Per info e prenotazioni: www.identitagolosemilano.it

Print Friendly, PDF & Email