Una lezione sul prosciutto crudo
24 Novembre 2020
Bonduelle, nuova gamma per il food service
26 Novembre 2020

I risultati della guida Michelin 2021

Resta sempre l’evento più atteso per chi si occupa di ristorazione: per gli chef, per i giornalisti, per i food blogger, per i frequentatori di ristoranti. E, difficilmente, delude le aspettative. Stiamo parlando dell’appuntamento annuale di presentazione della guida Michelin, la famosa ‘rossa’ che, in questa edizione, si tinge anche di ‘verde’.
Una presentazione che, quest’anno, non è avvenuta in presenza, in uno dei bellissimi teatri emiliani dove da qualche anno si svolge l’evento, ma che, grazie alla scenografia e alla bravura della presentatrice Petra Loreggian, ha suscitato ugualmente una forte emozione. Come ogni anno i giudizi e le opinioni sui risultati saranno oggetto di discussione, di critica, di essere d’accordo o meno da parte di tanti opinionisti ma una cosa è certa: la Michelin resta l’unica guida che ha parametri di valutazione basati sulla professionalità di ispettori direttamente assunti da Michelin in tutto il mondo, quindi scevri da ogni condizionamento dettato da molteplici fattori.

Quindi noi non ci assumiamo il compito né di criticare né di esaltare le scelte. Ne prediamo atto come si dovrebbe semplicemente fare.
E preferiamo parlare di quelli che in questa edizione hanno ricevuto un meritato riconoscimento, confermando la stella o diventando uno dei ristoranti che l’hanno per la prima volta conquistata, portando l’attenzione sulla novità di questa edizione: le stelle verdi assegnate, per la prima volta, a quei ristoranti particolarmente attenti alla sostenibilità, a diversi livelli, dai rapporti con i fornitori, alla coerenza del menu, per arrivare alla gestione dei rifiuti: sono 13 per questa prima volta, ma speriamo destinati a crescere.

Gardenia Mariangela Susigan Caluso
Don Alfonso 1890 Alfonso ed Ernesto Jaccarino Sant’ Agata sui Due Golfi
Osteria Francescana Massimo Bottura Modena
Dattilo Caterina Ceraudo Strongoli
Lazzaro 1915 Piergiorgio Siviero Pontelongo
Virtuoso Gourmet- Tenuta le Tre Virtù Antonello Sardi San Piero a Sieve
Joia Pietro Leeman Milano
D’O Davide Oldani Cornaredo
I’ Ciocio-Osteria di Suvereto Fabrizio Caponi Suvereto
Casa Format Igor Macchia Orbassano
St. Hubertus Norbert Niederkofler San Cassiano
Caffè La Crepa Franco Malinverno Isola Dovarese
Lanterna Verde Roberto Tonola Villa di Chiavenna

Le iniziative degli chef che hanno ricevuto la stella verde saranno dettagliate e presentate sul sito della Guida Michelin (guide.michelin.com/it/it) durante il corso dell’anno con la creazione di contenuti specifici.

Poi ci sono i premi speciali, assegnati con un criterio che non può non vederci d’accordo

  • PREMIO MICHELIN GIOVANE CHEF 2021 by Lavazza, assegnato a Antonio Ziantoni, Ristorante Zia, Roma.
  • PREMIO MICHELIN SERVIZIO DI SALA 2021 by Intrecci – Alta Formazione di Sala, assegnato a Christian Rainer, Peter Brunel Ristorante Gourmet, Arco (TN)
  • PREMIO MICHELIN CHEF MENTORE 2021 by Blancpain, assegnato a Niko Romito, Ristorante Reale, Castel di Sangro (AQ).
  • PREMIO MICHELIN SOMMELIER 2021 by Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, assegnato a Matteo Circella, Ristorante La Brinca, Ne (GE).

Per l’occasione Niko Romito ha precisato quelli che devono essere i valori di un cuoco contemporaneo, dando una definizione che potrà aiutare anche chi, come noi, si occupa di scrivere di ristorazione per farlo in maniera più incisiva e utile: studio, ricerca, etica e salute. Sono queste quattro parole che dovranno contraddistinguere il mestiere di cuoco nel presente e nel prossimo futuro.

Le stelle Michelin 2021
Sono in tutto 371, una parte infinitesimale di questo universo che conta oltre 150.000 ristoranti in Italia
. Sono però la parte che contribuisce, grazie alla mediaticità del riconoscimento, a quella dimensione di buon mangiare e di ospitalità che, da qualche anno, rende il nostro Paese un unicum mondiale. Hanno dunque una responsabilità enorme e devono esserne consapevoli, ogni giorno, ad ogni servizio.
Di questi 11 sono i ristoranti con tre stelle, gli stessi della passata edizione: Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN) e Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

37 i due stelle, con tre nuovi ingressi – Matteo Metullio dell’Harry’s Piccolo di Trieste, Rocco De Santis del Santa Elisabetta di Firenze e Davide Oldani del D’O di Cornaredo (MI) –, e 323 ristoranti con una stella, di questi 26 sono nuovi ingressi, con una media elevata di giovani chef.

Don Alfonso 1890 San Barbato Donato De Leonardis* Lavello (PZ)
Relais Blu Alberto Annarumma Massa Lubrense / Termini (NA)
Re Santi e Leoni Luigi Salomone ** Nola (NA)
Lorelei Ciro Sicignano** Sorrento (NA)
Osteria del Povero Diavolo Giuseppe Gasperoni * Torriana (RN)
Zia Antonio Ziantoni ** Roma
Essenza Simone Nardoni** Terracina (LT)
Nove Giorgio Servetto Alassio (SV)
Impronta D’Acqua Ivan Maniago** Cavi di Lavagna (GE)
Kitchen Andrea Casali* Como
AALTO Takeshi Iwai Milano
Borgo Sant’Anna Pasquale Laera** Monforte d’Alba (CN)
Piano 35 Christian Balzo Torino
Casa Sgarra Felice Sgarra ** Trani (BT)
Poggio Rosso Juan Camilo Quintero** Castelnuovo Berardenga (SI)
Gabbiano 3.0 Alessandro Rossi* Marina di Grosseto (GR)
Franco Mare Alessandro Ferrarini Marina di Pietrasanta (LU)
Sala dei Grappoli Domenico Francone Montalcino / Poggio alle Mura (SI)
Linfa Vincenzo Martella San Gimignano (SI)
Peter Brunel Restaurant Gourmet Peter Brunel Arco (TN)
Prezioso Egon Heiss Merano (BZ)
Senso Alfio Ghezzi Mart Alfio Ghezzi  Rovereto (TN)
Vecchio Ristoro Filippo Oggioni** Aosta
SanBrite Riccardo Gaspari ** Cortina d’Ampezzo (BL)
La Cru Giacomo Sacchetto** Romagnano (VR)
Amistà Mattia Bianchi** San Pietro in Cariano (VR)

Cosa si ricava da questa fotografia dell’alta ristorazione italiana?

Davide Oldani, patron del ristorante D’O

Prendiamo a prestito le parole di Davide Oldani che ha indicato i giovani come chiave per vincere le sfide del futuro. I suoi ragazzi che, dopo aver fatto esperienze nei grandi ristoranti francesi, “hanno voluto ritornare in un piccolo paese dell’hinterland milanese a lavorare, perché qui c’è un progetto e loro vogliono esserne parte integrante. Come i ragazzi dell’istituto alberghiero che ha aperto la sede proprio a Cornaredo dove, unico in Italia, abbiamo modificato il piano didattico facendo capire ai ragazzi che prima della ricetta bisogna conoscere a fondo la materia prima, le origini, il modo di coltivare. Perché sono quelle le storie che fanno amare la nostra cucina in ogni parte del mondo. E poi, non dobbiamo dimenticare che il nostro, pur mediatizzato, è ancora un mestiere durissimo che va regolamentato in modo diverso, a cominciare dagli orari. Solo così riusciremo a renderlo bello, come merita”.
Luigi Franchi

Print Friendly, PDF & Email