Bollicine emiliane per Zoe Saldana, l’attrice di Avatar

Oggi è Slow Food Day!
17 maggio 2014
Bocuse d’Or Europa: perché l’Italia è solo quindicesima?
18 maggio 2014
image_pdfimage_print

Neppure la famosa star del cinema Zoe Saldana, protagonista femminile del film Avatar, il film culto in 3D, detentore di tre premi Oscar, e maggiore incasso nella storia del cinema, prima di Titanic, di The Avengers, e di Harry Potter, resiste al fascino delle bollicine emiliane. Un evento enogastronomico, nel quale l’avvenente star era l’ospite d’onore, avvenuto pochi giorni fa al ristorante Tarallucci & Vino nel cuore della Grande Mela, un ristorante frutto del sodalizio indissolubile degli abruzzesi Pepi Di Giacomo e Luca Di Pietro, che hanno aperto dieci anni fa: “per gustare finalmente a Manhattan, un buon caffè espresso italiano, e un piatto preparato come a casa, in Italia”.
Una serata speciale, nella quale, tra i vini selezionati dal sommelier del locale, c’era lo spumante Ca’ Besina di Casali Viticultori, il vitigno autoctono di uva spergola, metodo classico, annata 2006 è lo spumante più prestigioso della cantina di Pratissolo di Scandiano, un’azienda storica sulle colline di Reggio Emilia, nei territori matildici che ispirarono il Boiardo e l’Ariosto, che si avvale della consulenza dell’enologo Luca D’Attoma e di Luca Gardini, miglior sommelier del mondo 2010. L’abbinamento ritenuto più appropriato con le bollicine emiliane è stato: un antipasto di burrata, e fantasia di verdure e aceto balsamico, creazione dello chef Andrew Welch. L’executive chef del Tarallucci e Vino dal 2013, già executive sous-chef del Jumeirah Essex House, e secondo dello chef David Pasternack, esprime nei suoi menu, la filosofia della cucina italiana fatta di tradizione, fantasia, e ingredienti naturali, prendendo spunto da visite quotidiane al mercato e alla fattoria biologica dello zio nel New Jersey.
La cucina con ingredienti biologici, di stagione, del Tarallucci & Vino, che ha recentemente ricevuto il Premio Ospitalità Italiana, è stata considerata da Vanity Fair “la migliore e più fedele cucina italiana”, e dal New York Times come “il ristorante dall’atmosfera sofisticata, che ti conquista sempre”.

Luca Bonacini

www.casalivini.it

www.taralluccievino.net

image_pdfimage_print