La Civetta incontra El Coq con un pranzo a base di Montelvini

Ilip sostiene Save Food
16 maggio 2012
InKitchen LOFT
16 maggio 2012
image_pdfimage_print

montelviniCurioso titolo per un presentazione di vini in uno degli angoli più insoliti di Milano, il ristorante Manna affacciato in piazzale Governo Provvisorio.
D’altra parte, già la scelta del posto denota un certo tocco di classe, perché il ristorante di Matteo Fronduti è una piccola chicca in città, anche se qui, per la strana conformazione urbanistica, il vicino canale della Martesana, sembra di trovarsi fuori dal tempo.
Insolita e azzeccata, poi, la scelta di affidare la cucina ad un giovane che sta facendo parlare di sé sempre di più, Lorenzo Cogo di El Coq, di Mirano Vicentino, che, giusto una settimana prima, Catering News aveva coinvolto in una scoppiettante presentazione nello stand del Parmigiano Reggiano a Cibus. Infine il motivo del gradevole ritrovo, un pranzo a base di vini della casa vitivinicola Montelvini che spiega il titolo, infatti, le Civette stanno per il dialettale “Le Zuitere” che è il podere dove sorge a Venegazzù, la sede dell’azienda, fondata da Armando Serena, ora anche presidente del Consorzio di Tutela Vini del Montello e Colli Asolani e condotta dalla nuova generazione, i suoi figli, Sarah e Alberto.
Insomma civette e polli, animali simpatici, un’accoppiata divertente e buona.
I vini, narrati con passione dall’enologo Stefano Nandi, hanno accompagnato un desinare superlativo, perché Lorenzo e la sua giovanissima brigata dimostrano di conoscere le tecniche migliori e di saperle declinare utilizzando materie prime ineccepibili.
Tutto buono e interessante a partire dalla Tempura di benvenuto abbinata ad un Prosecco Treviso DOC Brut Millesimato, 2011, fresco e piacevole, per proseguire con piatti non solo sorprendenti al gusto, ma disegnati con maestria, dove i vini seguivano le portate con rispetto e ammirazione per il talento di Lorenzo Cogo.
Complimenti, dunque, a Montelvini, un’azienda che negli ultimi 10 anni ha dimostrato di credere nel proprio patrimonio arrivando ad investire oltre 20 milioni di euro nelle innovative strutture della cantina, bravi anche a capire che comunicare è parte di questo investimento e meglio se lo si fa con intelligenza, mettendosi al fianco di grandi professionisti della cucina italiana, veicolo irrinunciabile per incontrare appassionati e gourmet.

Per informazioni e approfondimenti www.montelvini.it

Aldo Palaoro

image_pdfimage_print