Ferrarelle:120 anni, 3 marchi, riposizionamento e buona comunicazione

Come cambia la cerimonia nuziale
14 febbraio 2013
Assegnata la 32° Ciliegia d’Oro
14 febbraio 2013
image_pdfimage_print

Il cameriere Alessandro Gassman spunta dallo schermo televisivo da qualche settimana e racconta un pezzo della nuova storia di Ferrarelle, un’azienda che, seppur compia 120 anni nel 2013, è determinata a condurre un nuovo gioco nel competitivo mondo delle acque imbottigliate.
É lo stesso Presidente e AD, Carlo Pontecorvo a descrivere l’anno che si è chiuso come un periodo sfruttato per preparare l’azienda a ripartire con nuovo vigore e linfa in questo esercizio. Acquisizioni di uno dei marchi in portafoglio, Vitasnella, investimenti industriali sulle linee di produzione, ritorno in comunicazione in grande stile, con un budget che sfiorerà il 14% dei ricavi previsti, con impegni sui mezzi a 360°, con uno studio di riposizionamento di tutti i marchi: Ferrarelle, Vitasnella e dopo molti lustri di assenza, Boario.

Ferrarelle, senza dimenticare l’irrinunciabile “liscia, gassata o…”, introduce un nuovo pay off: bevi, digerisci e gusta, sottolineando il beneficio funzionale unito ad un sempre maggiore abbinamento alla buona cucina, meglio se italiana. Un legame testimoniato anche nell’impegno del brand nel settore ristorazione, con le innumerevoli attività in Italia e all’estero, non per niente due dei cuochi che hanno scelto Ferrarelle sono Gennaro Esposito, 2 stelle Michelin di Vico Equense e Umberto Bombana, l’unico 3 stelle Michelin italiano all’estero, col suo ristorante 8 ½ a Hong Kong.

Vitasnella prevede un allargamento del target di riferimento puntando sempre sul benessere derivato dalla vita in movimento, ma non più solo declinato al femminile.

Boario, una delle poche acque termali che finiscono in bottiglia, la cui comunicazione sarà finalizzata proprio a sottolineare la rilassatezza che un luogo dedicato al benessere del corpo e dello spirito sa offrirci.

In definitiva, in un momento storico nel quale le difficoltà consiglierebbero prudenza, il gruppo, guidato dalla famiglia Pontecorvo, con Paolo anche il figlio Michele, rilancia su tutti i fronti, anche grazie ad una nuova struttura di vendita finalmente propria, coordinata da un esperto direttore commerciale come Nunzio Savasta.

www.ferrarelle.it

Aldo Palaoro

image_pdfimage_print