Ferrari e H-ACK Wine: AAA giovani innovatori cercasi

Il vino senza solfiti è più sano: lo dice la scienza
27 febbraio 2014
Aspettando Taste of Milano che aspetta Expo
27 febbraio 2014
image_pdfimage_print

“Crediamo nei giovani, crediamo nelle loro idee e nei loro progetti, nella loro voglia di farcela. Siamo alla costante ricerca di idee che siano in grado di sostenere e innovare l’industria italiana perché siamo convinti che i giovani consapevoli della dimensione del cambiamento possano generare nuova energia, e per fare questo ogni giorno cerchiamo d’incrociare e contaminare i giovani con le necessità reali delle aziende. Il mondo delle startup è pieno di talenti e giovani promettenti che possono rimettere in moto il tessuto economico e sociale del nostro paese”. Si presenta così H-FARM, la piattaforma digitale nata per aiutare giovani imprenditori a lanciare le proprie attività nel settore internet.
Dopo la creazione dei format H-ACK Industry, Fashion e Bank, sabato 1 e domenica 2 marzo arriva H-ACK WINE, un hackathon – maratona di 24 ore non stop, dedicata allo sviluppo di idee e progetti digitali legati al settore del vino: sono oltre 400 i giovani programmatori e creativi iscritti al contest che, attraverso la creazione di gruppi di ricerca, studieranno soluzioni innovative ai quesiti posti dalle aziende vinicole aderenti.

Il contest è realizzato con la collaborazione di Vinitaly International per portare la comunicazione del vino oltre i canali tradizionali:  “Sono davvero felice che un’azienda leader come Vinitaly abbia deciso di collaborare con noi nella realizzazione di questa maratona di ‘brainstorm digitale’, mettendo a disposizione dei ragazzi la propria esperienza e competenzaha commentato Riccardo Donadon, fondatore di H-FARM.
Questa è una grossa finestra di opportunità per il mondo del vino italiano.” ha aggiunto Stevie Kim, Managing Director di Vinitaly InternationalFino ad oggi la promozione e la comunicazione del vino nel mondo è stata fatta più o meno con le stesse modalità e sono rimaste inalterate per tantissimi anni. Il nostro intento con H-ACK WINE è quindi quello di instillare un elemento di novità e di rigenerazione nel sistema di comunicazione e promozione del vino italiano”.

Una delle aziende vinicole che parteciperà al contest è Cantine Ferrari: “La scelta di partecipare a H-ACK Wine” – ha spiegato Camilla Lunelli, responsabile della Comunicazione e delle Relazioni Esterne delle Cantine Ferrari – “si inserisce per noi in un più ampio progetto che mira a incrementare l’attività di comunicazione sul web e a trovare soluzioni digitali innovative che contribuiscano a rafforzare in particolare il percorso di affermazione internazionale di Ferrari quale ambasciatore dell’Arte di Vivere Italiana. Siamo convinti che anche un’azienda che vanta una storia ultracentenaria, estremamente fiera della propria tradizione, debba sempre avere uno sguardo attento al futuro e all’innovazione”. Fondata nel 1902 a Trento da Giulio Ferrari, la cantina di Metodo Classico leader in Italia dal 1952 è guidata dalla famiglia Lunelli; Ferrari esporta i suoi Trentodoc in oltre 50 paesi, tra cui Giappone, Germania e Stati Uniti, i mercati più rilevanti di un export in continua ascesa.

I gruppi di lavoro che presenteranno i migliori progetti vinceranno un premio messo in palio da ciascuna azienda e avranno la possibilità di entrare a far parte di H-CAMP, il programma di accelerazione intensivo di H- FARM, portando avanti il progetto presentato e costruendosi una propria attività.

 Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print