Piper-Heidsieck, 228 anni di piacere

Carlo Prevedini, nuovo AD del gruppo Amadori
11 dicembre 2012
Selex anticrisi
11 dicembre 2012
image_pdfimage_print

“L’unico vino costoso che bevo è un buono Champagne brut. Champagne e caviale sono le uniche cose costose che conosca che valgono quel che costano. Voglio dire, tra le cose deperibili”. Lo diceva Hemingway e la frase è stata utilizzata più e più volte da chiunque volesse comunicare il giusto prezzo del lusso. Ma la frase del noto scrittore è una tra le tante citazioni e azioni che celebrano il vino più conosciuto al mondo. Per stare in tema, questo è il tredicesimo anno di una collaborazione che unisce i due simboli del made in France: la moda e lo champagne.
Un connubio che, ad ogni Capodanno; si rinnova tra due maison parimenti conosciute in tutto il mondo: Jean Paul Gaultier e Piper-Heidsieck. Lo stilista, fin dalla sua prima collezione presentata nel 1976, ha dimostrato una propensione alla sorpresa e allo stupore che non si è mai placato e la dimostrazione si ritrova proprio nelle 13 bottiglie di champagne Piper-Heidsieck che ha firmato. L’ultima, che celebra il passaggio al nuovo anno, contiene uno champagne annata 2000 che ha affascinato l’artista per il colore bronzeo iridescente e il perlage evocativo. Una special edition che lo stilista ha rivestito di una sensuale calza a rete nera, tempestata di cristalli Swarovski.
Il velluto rosso all’interno del pack emana gli aromi di frutti esotici mentre i cristalli dei flute presenti nella confezione riflettono perfettamente il risultato ottenuto dallo chef de cave della storica Maison Piper-Heidsieck: impressioni di piante, felci e anice con un’ultima, sorprendente fragranza di tabacco proveniente dai tessuti fruscianti. Sorseggiandolo, l’iniziale impressione è quella di una deliziosa nota di burro e miele che insieme al latte lascia il posto all’hennè, al sandalo e all’incenso.
Che dire? Attorno ai 228 anni di storia di Piper-Heidsieck il mondo è profondamente, più volte, cambiato, ma il piacere che lo champagne produce è rimasto inalterato proprio perché “vale quel che costa”.
In Italia la maison è distribuita da un altro marchio storico: Fratelli Branca, fondata a Milano nel 1845.

 

image_pdfimage_print